La creazione dell’uomo – Seconda parte

4 Settembre 2021

… soffiò nelle sue narici un alito di vita e l’uomo divenne un essere vivente

(Genesi 2,7)

che ne sarebbe stato se la statuetta di terriccio non fosse stata animata dal respiro di Dio? Mi viene in mente l’immagine plastica ed evocativa del ragazzo dipinto da Michelangelo nella Cappella Sistina, bellissimo, ma quasi accasciato, stanco e perfino un po’ inerte con quella mano tesa ed in attesa del divino intervento. Solo Dio, col suo soffio e dinamismo vitale è in grado di dargli vita. 

L’uomo è un essere vivente

L’espressione “essere vivente” (in Ebr. nèfesh chayyah נֶ֥פֶשׁ חַיָּֽה) è attribuita non solo all’uomo, ma anche agli animali (cfr. Gen 7,21), con i quali l’uomo condivide la natura mortale e terrestre. Tuttavia l’uomo è un essere vivente del tutto singolare. Egli non respira solo l’aria atmosferica, ma anche l’aria di Dio, del suo mondo, poiché racchiude in sé qualcosa di Dio.

Se nel primo racconto della creazione si diceva che l’uomo fu creato “ad immagine di Dio” (cfr. Gen 1,27), qui si dice più o meno la stessa cosa, usando però altre espressioni. L’alito di vita di Dio è, infatti, un’espressione parallela e direi quasi complementare all’immagine di Dio impressa nell’uomo.

Un linguaggio comune per dire che l’uomo non appartiene solo alla terra da cui è stato tratto, ma anche a Dio del quale condivide la vita, il respiro.

I rapporti fondamentali dell’uomo

Prima del rapporto con la donna, l’uomo intrattiene un duplice e fondamentale rapporto: la relazione con Dio e con la madre terra. Due relazioni profondamente interdipendenti, perché non v’è autentico rapporto con Dio se non attraverso un autentico rapporto con con ciò che la madre terra rappresenta per ciascuno di noi.

Dio, infatti, non è un’idea accanto ad altre idee, ma una realtà vivente dentro di noi e presente concretamente nella storia di ciascuno di noi, di ogni altra persona che incontriamo ogni giorno e nelle situazioni di vita quotidiana.

Impregnati di Dio03

Tuttavia il versetto dice molto di più. In esso si afferma con forza che la nostra vita dipende dal soffio divino inalato in noi. Il nostro respiro si fonde e confonde con quello di Dio, così come la nostra vita, è misteriosamente impregnata della storia di Dio.

Una verità, questa, che la Bibbia non riserva ai soli credenti, ma che propone ad ogni uomo e donna di buona volontà, affinché si prenda coscienza di quanto la nostra vita dipenda da Dio.

Altrimenti, anche se fossimo bellissimi come il ragazzo della Cappella Sistina, saremmo tuttavia nulla più di terra che si confonde con la terra; materia che si confonde con la materia; saremmo morti anche se vivi! Ma ciò, in fondo, non è possibile. Fin quando respireremo, saremo sempre sorretti dall’amore di Dio … anche se magari non ne abbiamo piena consapevolezza.

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

La Torah come parola di Dio

La Torah come parola di Dio

Durante il Medioevo, la Torah era considerata invariabilmente la parola divina, immutabile e perfetta. Gli studiosi ebrei medievali, come Rashi (Rabbi Shlomo Yitzchaki, 1040-1105) e Maimonide (Rabbi Moshe ben Maimon, 1138-1204), hanno offerto interpretazioni...

Cos’è il “timore di Dio” (יִרְאַת יְהוָה)?

Cos’è il “timore di Dio” (יִרְאַת יְהוָה)?

La radice ebraica da cui deriva יִרְאָה è י-ר-א (Y-R-'), che implica una percezione profonda o una visione acuta. Nel contesto biblico, il termine può essere interpretato in vari modi, inclusi "timore", "rispetto", e "riverenza". Questa gamma di significati suggerisce...

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Le espressioni ebraiche utilizzate per descrivere la colonna di nube e di fuoco sono "עַמּוּד הֶעָנָן" ('ammud he-'anan) e "עַמּוּד הָאֵשׁ" ('ammud ha'esh). "עַמּוּד" ('ammud) significa "colonna" o "pilastro", indicando una forma verticale solida e imponente....

I giganti che abitavano nell’antica Canaan

I giganti che abitavano nell’antica Canaan

Il capitolo tredicesimo del libro dei Numeri narra che, su comando divino, Mosè invia dodici esploratori, uno per ciascuna tribù di Israele, per osservare la terra di Canaan. Dopo quaranta giorni, gli esploratori ritornano con report di una terra fertile ma abitata da...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Vangeli e quantistica: un rapporto possibile?

La fisica quantistica ha rivoluzionato la nostra comprensione della realtà fisica, introducendo concetti come la superposizione e l'interconnessione a distanza. Allo stesso modo, il Regno dei Cieli (o di Dio) di cui parlano i Vangeli rappresenta una realtà che...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

6 + 6 =

error: Il contenuto è protetto