L’importanza del nome הַשֵּׁם

19 Agosto 2022

il nome

(Articolo del gruppo di Ebraico Biblico) E così Adamo impone un nome ad ogni essere vivente (נֶפֶשׁ חַיָּה)

L’importanza del nome

Nella concezione semitica, in particolare, il nome racchiudeva l’essenza stessa dell’individuo.

Lo stesso Dio più di una volta cambia il nome a una persona (Abramo, Sara, Giacobbe…) affinché il nuovo nome fosse un paradigma di vita. Nel Nuovo Testamento lo stesso Gesù cambia il nome al discepolo Simone.

A tal proposito, vorrei citare 1Samuele 25,25 in cui si legge:
כִּי כִשְׁמוֹ כֶּן-הוּא
Non faccia caso il mio signore di quell’uomo cattivo che è Nabal
perché egli è come il suo nome : (stolto si chiama e stoltezza è in lui)
lett : “poiché come [è] il nome così [è] lui”

Capita che a volte leggiamo superficialmente questi testi e ce ne sfugge la profondità, conoscere i nomi delle persone citate nella bibbia ce ne dà una conoscenza molto più profonda.

E’ interessante anche notare quando i nomi vengono evitati. Ad esempio la moglie di Lot, la moglie di Giobbe. Evitato per lo scarso valore dato alle donne o volutamente?

Il nome di D-o

Pensiamo allo stesso nome di Dio, Impronunciabile per gli ebrei proprio a motivo della sua grande prossimità al Signore.

non a caso il nome più importante noi non lo conosciamo o, almeno, non sappiamo (nè potremmo) pronunciarlo; sono quattro consonanti היוה che, per noi, sono semplicemente הַשֵּׁם haShem, “il Nome” per antonomasia.

Autorità e responsabilità

A me sembra che affidando all’uomo il compito di assegnare il nome ad ogni animale, ha anche stabilito che abbia autorità e responsabilità su di loro.

Nel libro di Isaia Dio dice :

Non temere, perché io ti ho riscattato,
ti ho chiamato per nome: tu mi appartieni.
(Is 43,1)

come a dichiarare che conoscere per nome, implichi appartenenza.
È come se la conoscenza che Dio ha del suo popolo sia una garanzia di cura , tutela, protezione .
Sapere che Dio ci conosce ” per nome” ci fa sentire conosciuti nel profondo, protetti e amati

Dio ad Adamo in Eden, da un lato dice che l’uomo deve soggiogare la terra e le sue creature ma usa anche un verbo molto significativo: שָׁמַר shamar (custodire), lo stesso che viene anche utilizzato in Esodo per riferirsi ai precetti.

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Le novantanove pecore

Le novantanove pecore

(Articolo di Cecilia Mariotto e Lisetta Delsoldato) Leggiamo così nel vangelo di Luca: Chi di voi, se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e va in cerca di quella perduta, finché non la trova? (LC 15,4) Ma se ci pensiamo bene...chi di...

Chi era Melchisedec? La risposta degli Esseni di Qumran

Chi era Melchisedec? La risposta degli Esseni di Qumran

11QMelch - ossia Melchisedec della Undicesima grotta di Qumran - è una figura di mediatore angelico che tuttavia si colloca anche nel contesto di un intervento escatologico (=ossia negli ultimi tempi che gli esseni di Qumran credevano di vivere) di Dio stesso a cui...

La predestinazione tra il bene e il male: tra Qumran e i Vangeli

La predestinazione tra il bene e il male: tra Qumran e i Vangeli

La sigla del manoscritto trovato a Qumran - 1QS - indica il luogo in cui fu trovato: la prima grotta di Qumran; e al carattere del testo, regola, in ebraico Serek.  Infatti, vi è un'analogia tra il contenuto di questo manoscritto e le regole degli ordini monastici e...

il principio della sapienza – רֵאשִׁית חָכְמָה

il principio della sapienza – רֵאשִׁית חָכְמָה

(Articolo di Cecilia Mariotto) Il principio della sapienza... Questa riflessione nasce a partire da una condivisione molto interessante da parte del nostro gruppo di allievi del corso di Ebraico Biblico. Uno degli allievi più esperti, sa suscitare spunti interessanti,...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Al riparo dell’Altissimo

(Articolo di Cecilia Mariotto) יֹ֭שֵׁב בְּסֵ֣תֶר עֶלְיֹ֑ון בְּצֵ֥ל שַׁ֝דַּ֗י יִתְלֹונָֽן׃ Chi abita al riparo dell'Altissimo passerà la notte all'ombra dell'Onnipotente (Sal 91,1) Forse qualcuno di noi ha avuto modo di leggere o recitare questo salmo, questa preghiera...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

1 + 4 =

error: Il contenuto è protetto