Le nuove ricerche sul Pentateuco – (Terza parte)

7 Febbraio 2022

Si sarà ormai compreso che tutto ciò che precede il Deuteronomio, compreso il libro della Genesi, è da considerarsi come ampliamento del Deuteronomio. Ciò non significa affatto che il Deuteronomio e il movimento riformatore da esso scaturito – fine VI secolo a.C. – abbia inventato tutte le tradizioni ad esso precedenti.

Rilettura delle antiche tradizioni

Tuttavia, per esempio, la rilettura dell’Esodo come alleanza (in Ebr. berit בְּרִית) è opera del Deuteronomio. Nel periodo precedente – IX-VII secolo – l’Esodo era invece interpretato come il periodo dell’elezione di Israele (cf. Am 3,1 s.; 9,7; Os 2,17; 11,1; 12,10.14; 13,4), oppure attraverso le categorie della teofania (cfr. Dt 33,2; Gdc 5,5; Sal 68,18).

È il movimento nato dal Deuteronomio ad aver introdotto la teologia dell’alleanza che interpretava il legame tra Dio e il suo popolo secondo gli schemi dei trattati di vassallaggio neo-assiri. Si tratta di un’alleanza bilaterale e condizionata: se Israele obbedirà a Dio sarà benedetto, se non lo farà, sarà maledetto.

Un altro elemento della rilettura delle tradizioni antiche è l’identificazione di Israele come popolo perdonato e legato a Dio da una nuova alleanza vissuta in modo nuovo (cfr. i testi di Ger 31,31-34; Ez 36,24-28). L’alleanza sinaitica dev’essere vissuta come donoperdono di Dio dopo la sciagura dell’esilio. Dopo quell’esperienza, occorre lo Spirito per osservare la legge.

I dieci comandamenti

I dieci comandamenti – Esodo 20 – sono proclamati direttamente da Dio a tutto il popolo (Dt 5,4) e Dio stesso le ha scritte su due tavole di pietra (Dt 5,22). Interessante la quasi equiparazione delle tavole della Torah (scritte da Dio) al libro della Torah (scritto da Mosè).

Ciò doveva servire a dare legittimazione al libro della Torah, fondamento della riforma deuteronomica sempre più identificato come l’intero Pentateuco e non solo come il sefer hattorah di cui si parla nel Deuteronomio. Ciò, tra l’altro, serviva anche a giustificare la funzione legislativa dei sacerdoti (interpreti ufficiali della Torah).

La rilevanza eccezionale data al santuario del deserto (Es 25-31.35-40) si spiega con la centralità del Tempio di Gerusalemme nella provincia persiana di Jehud (la Giudea). Furono i sacerdoti che vennero dopo Giosuè a raccogliere le tradizioni storiche e a ordinarle dando vita – forse nel IV o inizio del III – al Pentateuco nella forma in cui lo conosciamo oggi.

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Come si è formata la Torah?   – Prima parte

Come si è formata la Torah? – Prima parte

Fino al XVI secolo, nessun studioso dubitava che Mosè fosse l'autore materiale del Pentateuco. Mosè aveva scritto tutti i libri del Pentateuco, al massimo servendosi di fonti. I primi studi sul Pentateuco Il primo a dubitare di questa paternità fu lo studioso tedesco...

Innalzare il nome – נָשָׂא  

Innalzare il nome – נָשָׂא  

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹ֥א תִשָּׂ֛א אֶת־שֵֽׁם־יְהוָ֥ה אֱלֹהֶ֖יךָ לַשָּׁ֑וְא lo' tissa' 'et-shem-YHWH 'elohèka lashaweh Non innalzerai il nome del Signore tuo Dio invano (Es 20,7) Innalzare il nome del Signore:  mi ha colpito molto leggere questa traduzione...

Perché si ha paura di essere nudi?

Perché si ha paura di essere nudi?

Rispose: «Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Genesi 3,10 Perché Adamo ebbe paura? Cosa significa essere nudi? Significa la consapevolezza di essere creature davanti a Dio, bisognose di affidarsi a lui - e solo a...

La cerva e la vita

La cerva e la vita

(Articolo di Lisetta Delsoldato) Come la cerva anela ai corsi d'acqua, così l'anima mia anela a te, o Dio. Salmo 42,1 כְּאַיָּ֗ל תַּעֲרֹ֥ג עַל־אֲפִֽיקֵי־מָ֑יִם כֵּ֤ן נַפְשִׁ֨י תַעֲרֹ֖ג אֵלֶ֣יךָ אֱלֹהִֽים׃ תהלים 42,2 Mi ha colpito molto questo versetto. Mi ha colpito...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Idoli da vedere: la pornografia

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹֽ֣א תַֽעֲשֶׂ֨ה־לְךָ֥֣ פֶ֣֨סֶל֙ lo' ta'aseh leka pèsel Non ti farai idolo (Es 20,4) Un idolo. Che cos'è quindi? Che significa che ci facciamo idoli? Letteralmente la traduzione dall'ebraico sarebbe "non farai per te un idolo". Cos'è un...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

7 + 2 =

error: Il contenuto è protetto