Le nuove ricerche sul Pentateuco – (Seconda parte)

6 Febbraio 2022

La prima tra le riforme strutturali introdotte nella comunità giudaica post-esplica e che furono (idealmente) ancorate alla “Riforma di Giosia” (cfr. 2 Re 22-23; 2 Cr 34) è la cosiddetta centralizzazione del culto a Gerusalemme.

Di essa parla Deuteronomio 12, il capitolo con cui si apre il cosiddetto “Codice deuteronomico” (Dt 12-26). Infatti, il Tempio di Gerusalemme è l’istituzione centrale di tutto il periodo post-esilico, cosiddetto del Secondo Tempio, che terminerà solo nel 70 d.C., con la sua definitiva distruzione.

Tuttavia, la centralizzazione del culto a Gerusalemme riguarda ben poco il periodo di Giosia, mentre invece caratterizza assai di più il periodo dei profeti Aggeo e Zaccaria, quando il Tempio di Gerusalemme viene effettivamente ricostruito (520-515 a.C.).

La celebrazione della Pasqua

Il secondo elemento della riforma strutturale è la nuova celebrazione della Pasqua. Il racconto di questa celebrazione rappresenta l’apice del resoconto della “Riforma di Giosia (cfr. 2 Re 23,22). Gli studiosi, infatti, pensano oggi che l’intero racconto della “Riforma di Giosia” sia da datare al periodo post-esilico.

Il nuovo rituale fonde insieme due feste assai antiche in Israele. La prima di carattere agricolo – la festa degli azzimi (mazzot – מַצּוֺת) – legata al mese delle spighe; la seconda legata invece al mondo della pastorizia, dove mediante il sacrificio di un agnello si voleva assicurare la protezione di tutto il gregge.

Questo rituale sarebbe stato codificato nella festa di Pesach ( פֶסַח = Pasqua) con la riforma deuteronomistica (Dt 16). Storicamente, la celebrazione della Pasqua non è attestata in alcuno dei testi profetici pre-esilici; ciò significherebbe che il rito della Pasqua è di origine post-esplica e rappresenta una delle riforme introdotte nel periodo della ricostruzione del Tempio.

L’istituzione del sabato, apice della settimana

Il terzo elemento della grande riforma deuteronomica è l’istituzione ufficiale della festa settimanale del sabato. Prima del VI secolo a.C., il sabato veniva festeggiato con cadenza mensile.

Probabilmente si trattava, prima dell’esilio, della festa lunare del “plenilunio”, lo shapattum del calendario mesopotamico, in contrapposizione al “novilunio”. Ciò appare con chiarezza nel profeta Amos (8,5; Os 2,13 e Is 1,13 – VIII sec. a.C.).

Nel libro del profeta Ezechiele – periodo esilio – si parla spesso di “sabati” (al plurale), facendo pensare ad una fase in cui si celebrasse sia il sabato con cadenza settimanale, sia quello con cadenza mensile (Ez 20,23; 16,21.24; 22,8; 23,38). Più probabilmente, Ezechiele testimonia una fase di passaggio dalla cadenza mensile a quella settimanale.

Sicuramente l’istituzione della celebrazione settimanale del sabato riveste un’importanza centrale nella comunità giudaica post-esilica, quale giorno speciale e centrale della settimana e totalmente consacrato a Dio. La formulazione più completa riguardo alla settimana di lavoro che termina col sabato è quella di Dt 5,12-15:

Osserva il giorno di sabato per santificarlo, come il Signore Dio tuo ti ha comandato. Sei giorni faticherai e farai ogni lavoro, ma il settimo giorno è il sabato per il Signore tuo Dio: non fare lavoro alcuno né tu, né tuo figlio, né tua figlia, né il tuo schiavo, né la tua schiava, né il tuo bue, né il tuo asino, né alcuna delle tue bestie, né il forestiero, che sta entro le tue porte, perché il tuo schiavo e la tua schiava si riposino come te. Ricordati che sei stato schiavo nel paese d’Egitto e che il Signore tuo Dio ti ha fatto uscire di là con mano potente e braccio teso; perciò il Signore tuo Dio ti ordina di osservare il giorno di sabato.

È probabile che da questo testo – cfr. v. 13 – derivi poi lo schema settimanale dell’opera creatrice di Dio. In tal senso, la settimana di lavoro umana è un riflesso dell’opera creatrice di Dio e, viceversa, l’opera creatrice di Dio in sette giorni è modello dell’attività umana settimanale.

Il re, il sacerdote e il profeta

L’ultimo elemento, descritto in Dt 17-18, riguarda l’assetto di governo della comunità post-giudaica. Il modello deuteronomico prevedeva la presenza di un re affiancato nel governo da un sacerdote e da un profeta, nel quadro dell’osservanza della Torah.

Questo quadro ideale, seppur idealistico, sarebbe stato compiuto nelle figure di Zorobabele (il governatore persiano che fece ricostruire il Tempio) e del profeta-sacerdote Zaccaria. Tuttavia restò piuttosto un ideale senza futuro, perché sia Zorobabele che Zaccaria furono soppiantati da Giosuè, per decisione dell’autorità centrale persiana.

Fu un vero e proprio “colpo di Stato” che pose fine ad un governo laico della Giudea e che fu teologicamente giustificato dagli scritti profetici di Aggeo e Zaccaria. D’allora in poi sarà il sommo sacerdozio il grado più alto del governo teo-ierocratico della Giudea.

In conclusione, il movimento di riforma deuteronomistica diede una nuova configurazione all’Israele del passato (ossia del periodo precedente all’esilio). Per avvalorare questa riforma, il narratore fa parlare Mosè in prima persona ed àncora tutte le innovazioni introdotte al mito fondatore della riforma di Giosia, quale restauratore dell’antica legge mosaica dimenticata (la Toràh).

Photo by Benjamin Rascoe on Unsplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Come si è formata la Torah?   – Prima parte

Come si è formata la Torah? – Prima parte

Fino al XVI secolo, nessun studioso dubitava che Mosè fosse l'autore materiale del Pentateuco. Mosè aveva scritto tutti i libri del Pentateuco, al massimo servendosi di fonti. I primi studi sul Pentateuco Il primo a dubitare di questa paternità fu lo studioso tedesco...

Innalzare il nome – נָשָׂא  

Innalzare il nome – נָשָׂא  

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹ֥א תִשָּׂ֛א אֶת־שֵֽׁם־יְהוָ֥ה אֱלֹהֶ֖יךָ לַשָּׁ֑וְא lo' tissa' 'et-shem-YHWH 'elohèka lashaweh Non innalzerai il nome del Signore tuo Dio invano (Es 20,7) Innalzare il nome del Signore:  mi ha colpito molto leggere questa traduzione...

Perché si ha paura di essere nudi?

Perché si ha paura di essere nudi?

Rispose: «Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Genesi 3,10 Perché Adamo ebbe paura? Cosa significa essere nudi? Significa la consapevolezza di essere creature davanti a Dio, bisognose di affidarsi a lui - e solo a...

La cerva e la vita

La cerva e la vita

(Articolo di Lisetta Delsoldato) Come la cerva anela ai corsi d'acqua, così l'anima mia anela a te, o Dio. Salmo 42,1 כְּאַיָּ֗ל תַּעֲרֹ֥ג עַל־אֲפִֽיקֵי־מָ֑יִם כֵּ֤ן נַפְשִׁ֨י תַעֲרֹ֖ג אֵלֶ֣יךָ אֱלֹהִֽים׃ תהלים 42,2 Mi ha colpito molto questo versetto. Mi ha colpito...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Idoli da vedere: la pornografia

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹֽ֣א תַֽעֲשֶׂ֨ה־לְךָ֥֣ פֶ֣֨סֶל֙ lo' ta'aseh leka pèsel Non ti farai idolo (Es 20,4) Un idolo. Che cos'è quindi? Che significa che ci facciamo idoli? Letteralmente la traduzione dall'ebraico sarebbe "non farai per te un idolo". Cos'è un...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

1 + 12 =

error: Il contenuto è protetto