L’archetipo dei fratelli rivali: Giacobbe ed Esaù

14 Gennaio 2022

fratelli rivali bibbia

Da un punto di vista storico, i due fratelli rappresenterebbero agli occhi dell’autore due nazioni tra loro rivali: gli Israeliti (Giacobbe) e gli Edomiti (Esaù).

Questo livello di lettura spiegherebbe l’intenzione dell’autore e il messaggio teologico che ne deriverebbe: Dio sta dalla parte di Israele, ossia di Giacobbe.

Il disagio di una comprensione superficiale

Anche in questo caso, però, l’imbarazzo e la perplessità sono ancora più forti. Ciò a causa dell’immagine di Dio che consegue da questa lettura: Dio sta dalla parte dei furbi! 

A questo punto biblisti e teologi se la cavano dicendo che qui viene offerta un’immagine di Dio ancora assai primitiva. 

Ma è proprio vero che il Dio dell’Antico Testamento è così primitivo?

E’ proprio vero che gli autori della Bibbia non sapevano distinguere tra giustizia e ingiustizia?

E’ proprio vero che che essi credevano in un Dio che premia la scaltrezza contro un diritto fondamentale della società patriarcale ebraica?

Essi certamente appartenevano ad un ambiente storico, culturale e religioso assai diverso dal nostro, ma non per questo erano più “rozzi” di noi riguardo all‘immagine di Dio, anzi!

Le leggi codificate nel Pentateuco e che erano alla base della vita degli antichi israeliti riflettono una concezione molto profonda della natura di Dio e della benevolenza nei riguardi dell’uomo che agisce rettamente (cfr. per es. Dt 6-7).

L’archetipo dei fratelli rivali

Una domanda allora è importante: perché questo è uno dei brani più famosi della Bibbia? Uno di quelli che viene più spesso ricordato e raccontato anche ai bambini?

La rivalità tra Israeliti ed Edomiti è storicamente accertata. Di qui però non discende un messaggio teologico, ossia una certa immagine o un concetto di Dio.

Piuttosto, questo fatto storico è stato raccontato e tramandato a partire da un vissuto profondo comune a tutti gli uomini di tutti i tempi: il motivo universale (ossia archetipico) dei fratelli o delle sorelle rivali. 

Esso ricorre, per esempio, nelle fiabe dei fratelli Grimm, ma anche nel patrimonio fiabesco dei popoli, nella mitologia sudamericana.

Essere fratelli minori non è sempre uno svantaggio

Ora però qual è il significato di questo racconto a partire da una lettura profonda della Bibbia? Infatti, il problema degli archetipi è che possono essere interpretati  in una gran quantità di modi possibili.

Gli autori della Bibbia certamente si identificavano con Giacobbe, l’antenato comune che poi sarà chiamato “Israele” (cfr. Gen 32,23-33). Perciò ogni israelita si riconosceva nel fratello più scaltro, più furbo.

Si tratta però di una furbizia che ha come obiettivo la primogenitura, un diritto che comunque sarebbe spettato ad Esaù. Dal fatto storico – rivalità tra Israeliti e Edomiti – scaturisce perciò un messaggio non teologico, ma umano e universale.

Le abilità che un fratello minore necessariamente sviluppa

Il fratello minore, ossia la parte più debole, di fronte al fratello maggiore, ossia la parte più forte e tutelata, può comunque farsi strada nella vita grazie alla furbizia, alla scaltrezza.

Una scaltrezza ed abilità che rappresenterebbe ciò che il fratello minore in genere acquisisce proprio in virtù della supremazia ereditaria schiacciante del maggiore.

Una scaltrezza ed abilità che, spesso, permettono al fratello minore di raggiungere traguardi ed effettuare imprese anche più grandi del fratello maggiore.

Carattere dominante?

Giacobbe, infatti, era un uomo “tranquillo” che abitava sotto le tende (cfr. Gen 25,27) a differenza di Esaù “abile nella caccia”.

Una tranquillità che però cela grandi risorse e potenzialità interiori che vengono abilmente sfoderate al momento giusto.

Esaù, forte delle sue prerogative, è un uomo concreto, materiale dominato dagli istinti (cfr. Gen 25,30.32) che gli fanno perdere di vista ciò che veramente conta nella vita.

Questo significato non è valido solo per gli ebrei o solo per chi legge la Bibbia, ma per qualsiasi uomo o donna di ogni tempo e di ogni luogo.

Una piena fiducia in se stessi

Cosa c’entra Dio in tutto questo? Nulla e tutto. Si tratta di abilità acquisite da parte del fratello minore, di ogni fratello (o sorella) minore.

Di chi non per nascita, non per diritti naturali, non per lignaggio, non per raccomandazione, ma perché forte del proprio valore e della propria abilità umana riesce a farsi strada nella vita.

Su questa esistenza, segnata dalla libertà e dalla fiducia in se stessi, brilla la stella di Dio, come sarebbe brillata anche per il ‘fratello o sorella minore’ se solo avesse saputo che oltre la ‘caccia’ c’è anche la ‘scoperta’ di se stessi!

(Questa riflessione è liberamente tratta da Eugen Drewermann, Esegesi del profondo ed esegesi, vol. I, Queriniana, 124-126)

Photo: UnSplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Come sono nati i libri storici? – (Seconda parte)

Come sono nati i libri storici? – (Seconda parte)

Fino alla fine degli anni sessanta, la teoria di Martin Noth - ossia quella di un unico autore per il Dtr ( = Deuteronomista) - rimase sostanzialmente invariata, trovando principalmente conferme e qualche piccola rettifica. Tra i sostenitori, va annoverato anzitutto...

Come sono nati i libri storici? – (Prima parte)

Come sono nati i libri storici? – (Prima parte)

Nel periodo rabbinico, gli autori riconoscevano generalmente che il Pentateuco fosse stato scritto da Mosè, mentre i "Profeti anteriori" - ossia la prima parte della seconda grande sezione della Bibbia ebraica - provengono dai personaggi principali di cui questi libri...

Genesi 1,1 significa veramente “in principio”?

Genesi 1,1 significa veramente “in principio”?

בְּרֵאשִׁ֖ית בָּרָ֣א אֱלֹהִ֑ים אֵ֥ת הַשָּׁמַ֖יִם וְאֵ֥ת הָאָֽרֶץ bere'shit bara' 'elohim 'et hashamàyim we'et ha'àrets In principio, Elohim creò i cieli e la terra Lasciando da parte il termine elohim, su cui abbiamo discusso e discuteremo ancora, oggi vorrei...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

La storia di YHWH: si legge Yahweh?

La Bibbia ebraica riporta sempre il cosiddetto "tetragramma divino", ossia quattro lettere ebraiche יהוה YHWH. Gli ebrei non possono leggere questo nome e impongono sempre la lettura 'ADONAY (אֲדֹנָי), sovrapponendo alle lettere ebraiche YHWH (יהוה) le vocali di...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

15 + 9 =

error: Il contenuto è protetto