L’albero della vita: la via per diventare veramente immortali

18 Settembre 2021

Scacciò l’uomo e pose ad oriente del giardino di Eden i cherubini e la fiamma della spada folgorante, per custodire la via all’albero della vita.

Genesi 3,24

Vale la pena di immaginare la scena qui raffigurata fin nei dettagli. Solitamente si immagina l’ingresso del Paradiso terrestre custodito da un cherubino con in mano la spada sfolgorante. A ben vedere però non è così e ciò è evidente nella traduzione in italiano. Si tratta non della porta dell’Eden, ma della via che conduce all’albero della vita.

Il fascino irresistibile di una vita dalla durata indefinita

L’albero della vita rappresenta l’eternità che all’uomo è preclusa poiché dovrà morire. Egli però, avendo mangiato dell’albero della conoscenza del bene e del male, desidera mangiare anche dell’albero della vita e vivere per sempre (cfr. infatti Genesi 3,22).

Infatti, il dinamismo interiore all’uomo di infrangere costantemente i limiti della natura umana per conoscere cose sempre nuove necessiterebbe di un contesto illimitato per poter essere pienamente soddisfatto.

Detto in altre parole, posso pretendere di giungere ad una conoscenza universale solo se davanti a me ho una prospettiva di vita indefinita. Ma in realtà non è così. Ed anche se i cosiddetti patriarchi pre-diluviani – tra cui Adamo ed Eva – vivranno oltre i cinquecento anni (cfr. Genesi 5), tuttavia essi prima o poi dovremmo morire.

Dunque, la possibilità di mangiare dell’albero della vita è irreale. Gli autori biblici lo sapevano bene, ma vollero esprimere questa loro consapevolezza attraverso il linguaggio mitico di questi versetti.

Utnapishtim

Essi ritraggono non la conseguenza del cosiddetto ‘peccato originale’, bensì la condizione umana di ieri e di oggi. La via all’albero della vita è allora concretamente il modo in cui può essere concretamente raggiunta l’immortalità. Al di fuori della Bibbia, l’epopea di Gilgamesh narra che il superstite del diluvio – Utnapishtim – e sua moglie furono resi immortali dagli dei.

Egli diventò tale perché credette al messaggio onirico inviatogli dagli dei per avvertirlo del diluvio e per istruirlo su come dovesse costruire l’arca. Così fu premiato con l’immortalità diventando simile agli dei. La similitudine divina di Utnapishtim è dovuta però all’obbedienza agli dei, mentre Adamo ed Eva disubbidirono a Dio.

Ciò che è dunque chiaro – attraverso le immagini sia dell’epopea di Gilgamesh che di quelle nella Genesi – è che l’obbedienza a Dio porta alla vita, mentre la disobbedienza porta alla morte.

Tuttavia, a differenza dell’epopea, l’autore della Genesi dice chiaramente che l’immortalità è un’impossibilità per qualsiasi uomo e che non esiste alcun modo per ottenerla. Infatti, la via che vi conduce è sbarrata da due presenze che si trovano ad oriente del giardino dell’Eden: il cherubino e la fiamma della spada fiammeggiante.

Il cherubino e la spada

Da questo versetto deriva l’immagine, così cara ai cattolici, di San Michele – dall’ebraico Mikael “Chi come Dio?” – con la spada in mano, messo a custodia del Paradiso. Tuttavia più che all’identificazione precisa con un angelo è piuttosto al significato simbolico che occorre prestare attenzione.

I simboli qui sono due: il fuoco e la spada. Entrambi sono simboli di purificazione e di iniziazione. Se sostituiamo l’immortalità fisica preclusa all’essere umano con la possibilità di una vera vita interiore eterna ed indistruttibile allora coglieremo il senso profondo di questo versetto.

L’Eden è allora la cifra di una vita in armonia con Dio, con se stessi e con il creato. Una condizione che è perduta, ma che può essere anche ritrovata. Come? Attraverso un processo di purificazione che non consiste principalmente in un cammino di mortificazione dei sensi.

La via ossia il modo per tornare all’armonia totale è quella di purificare i nostri sensi – l’udito e la vista soprattutto – per tornare ad ascoltarci per vedere ciò che veramente siamo, nel profondo. Solo così, sarà possibile scoprire il luogo eterno dove abita Dio che si manifesta attraverso i sogni e i simboli che sono come l’anima mundi attraverso la quale tutto vive, per sempre. Solo così l’Eden non sarà mai perduto per sempre!

Photo by Jeremy Bishop on Unsplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Eva (חַוָּה “chawwah”): la madre di ogni essere vivente

Eva (חַוָּה “chawwah”): la madre di ogni essere vivente

L'uomo chiamò la moglie Eva, perché essa fu la madre di tutti i viventi Genesi 3,20 La questione dei nomi dei due primi esseri umani è veramente ingarbugliata. Iniziamo dal maschio: Adamo. Il suo non è un vero nome, almeno non nel senso che qualcuno lo chiamò così. Si...

Il diluvio universale nei libri di Enoch

Il diluvio universale nei libri di Enoch

Allora l'Altissimo, Grande e Santo parlò ed inviò Arseyaleyor dal figlio di Lamek e gli disse: "Digli, a nome mio, di nascondersi e manifestagli la fine che verrà poiché la terra, tutta, perirà; verrà su tutta la terra e quel che è in essa perirà. Avvisalo che fugga e...

La terraferma

La terraferma

Dio disse: «Le acque che sono sotto il cielo, si raccolgano in un solo luogo e appaia l'asciutto». E così avvenne Genesi 1,9 Se proviamo a visualizzare le immagini che queste parole così evocative suscitano nella nostra mente, sembra quasi di trovare una conferma...

Quando essere fragili significa essere davvero umani

Quando essere fragili significa essere davvero umani

Chi ti ha fatto sapere che eri nudo? Hai forse mangiato dell'albero di cui ti avevo comandato di non mangiare? Genesi 3,11 All'improvviso l'uomo si scopre fragile, tremante e tremendamente bisognoso di tutto e di tutti. Una condizione, questa, dovuta non tanto alla...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Il paradiso perduto

Il Signore Dio lo scacciò dal giardino di Eden, perché lavorasse il suolo da dove era stato tratto Genesi 3,23 Questo versetto svolge due funzioni. Chiude il capitolo 3 ed insieme la prima parte della Genesi, ossia la creazione e il racconto della caduta (Genesi 1-3)....

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

3 + 4 =