L’accuratezza storica dei racconti biblici sui patriarchi (Quinta parte)

Scritto da Simone Venturini

25 Maggio 2015

Oltre a ciò che è stato detto, oggi [ossia alla fine degli anni Cinquanta] è evidente che lo stile di vita dei patriarchi e la natura dei loro spostamenti, come sono descritti nella Genesi, si adattano bene all’ambiente culturale e politico dell’inizio del Secondo millennio.

I patriarchi sono descritti come seminomadi che vivono sotto le tende, spostandosi su e giù per la Palestina e spingendosi talvolta verso i suoi confini alla ricerca di pascoli stagionali per le greggi e, occasionalmente, compiendo viaggi più lunghi in Mesopotamia o in Egitto. Essi non erano veri beduini; non si avventuravano né girovagavano nel deserto, se non nelle vie in cui erano disponibili adeguate risorse idriche (per es. la strada verso l’Egitto).

I patriarchi si accampavano frequentemente vicino alle città e pare che i loro rapporti con gli abitanti fossero pacifici; occasionalmente essi vi risiedevano per il tempo necessario a coltivare la terra, anche se in misura limitata (per es. Gen 26,12).  Tuttavia essi non abitavano stabilmente nelle città (ad eccezione di Lot), né si integravano con la popolazione urbana; non possedevano terre ad eccezione di modesti appezzamenti di terra comprati per seppellire i loro morti (capp. 23; 33,19; 50,5).

In breve, essi sono descritti non come nomadi su cammelli come accadrà invece in tempi più recenti ed ancor oggi. Essi erano allevatori seminomadi di pecore e di altro bestiame piccolo; usavano gli asini come bestie da soma e limitavano i loro spostamenti nelle terre abitate, fino ai loro confini, dove potevano trovare pascoli stagionali. I rari accenni ai cammelli (per es. capp. 12,16; 24) sembrano essere nulla più di ritocchi anacronistici introdotti per rendere più vivaci le storie a lettori posteriori; infatti, nei racconti della Genesi non compaiono dei veri e propri nomadi su cammelli.

E così dev’essere. Sebbene il cammello fosse ovviamente conosciuto fin dai tempi più antichi e sebbene dei casi isolati di addomesticamento possano esserci stati in qualsiasi periodo (è probabile che i nomadi mantenessero gruppi di cammelli in uno stato semi-selvatico per assicurarsi il latte, il pelo e la pelle), sembra comunque che l’addomesticamento vero e proprio di questi animali per impiegarli poi come mezzi di trasporto avvenne tra il XV e XIII secolo a.C. in Arabia. [ … ]

Anche gli spostamenti dei patriarchi si adattano bene alla situazione dell’inizio del II millennio. [ … ] La facilità con cui i patriarchi viaggiavano dalla Mesopotamia alla Palestina e viceversa si accorda bene con il quadro che emerge dai testi di Mari, i quali evidenziano che scambi liberi, non impediti da barriera alcuna, erano possibili in tutte le zone della Mezzaluna fertile.

Gli spostamenti dei patriarchi in Palestina si adeguano perfettamente alla situazione che emerge nei Testi di esecrazione, quando il paese non era sotto lo stretto controllo degli egizi ed era ancora (soprattutto nella parte montuosa centrale e meridionale) scarsamente popolato.

Le immagini di Beni-Hasan illustrano bene la facilità con cui gruppi di persone potevano muoversi dall’Asia all’Egitto e il Racconto di Sinuhe evidenzia la facilità delle comunicazioni tra l’Egitto e l’area siro-palestinese. (Tratto da J. Bright, A History of Israel, 1980, pp. 80-82) (continua)

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Cos’è l’oceano celeste?

Cos’è l’oceano celeste?

La cosmografia della Bibbia https://youtu.be/vBvUnU9lbnM Il verbo “separare” è il secondo termine che descrive l’opera creatrice di Dio nella Bibbia. Essa infatti non consiste solo nel “creare”, ma anche nel “separare” – in ebraico badal – gli elementi creati. Dio...

Imparare l’Ebraico oggi si può!

Imparare l’Ebraico oggi si può!

Un corso unico in Italia, studiato sulla base delle tue esigenze. https://youtu.be/PBzcVLT79MI Ho detto più volte che il Corso di Ebraico che numerose persone stanno seguendo è davvero unico in Italia, per vari motivi. Un corso di Ebraico unico in Italia Anzitutto,...

Perché il firmamento è azzurro?

Perché il firmamento è azzurro?

La Bibbia - Genesi cap. 1, vers. 6 https://youtu.be/PFg7rz7-wO0 Gli antichi autori della Bibbia pensavano che l'azzurro del cielo dipendesse dalle acque che vi si trovavano sopra ... bello no! In effetti, le antiche cosmografie, immaginavano il firmamento come una...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Bibbia e intelligenza artificiale

Un esperimento interessante per far comprendere la Bibbia agli uomini di oggi La Bibbia, almeno nelle statistiche, è il libro più letto e venduto al mondo. Questo lo sanno tutti. Il testo sacro è stato tradotto in tutte le lingue, dialetti africani ed anche italiani....

COME POSSO AIUTARTI?

6 + 8 =