La terribile morte di Gesù

10 Luglio 2021

«La crocifissione era una forma di esecuzione estremamente crudele. La vittima, infatti, prima di essere crocifissa veniva flagellata o frustrata fin quasi a farle perdere i sensi.

I vari modi in cui si effettuava la crocifissione

La persona poi veniva crocifissa nuda, aumentando in tal modo l’umiliazione sia per il crocifisso che per i suoi familiari. Probabilmente esisteva più di un modo in cui la persona era crocifissa;

Giuseppe Flavio riferisce che le persone venivano crocifisse in diverse posture e a seconda dei diversi tipi di pali e travi lignei che si aveva a disposizione (Eusebio, Hist. Eccl. VIII.8).

In alcuni casi il patibolo assumeva la classica forma a croce (crux immissa), mentre in altri la croce poteva assumere una forma a T (crux commissa).

Se il palo verticale (stipes) della croce era già eretto sul luogo dell’esecuzione, i soldati dovevano prendere la vittima, le cui braccia erano già legate al patibulum (trave) e legarlo al palo verticale.

Materiale usato per costruire una croce

A causa della scarsità di legno intorno a Gerusalemme, i montanti verticali e le travi venivano spesso spesso riutilizzate.

Occasionalmente erano impiegati anche tipi di legno inadatti allo scopo, come per esempio il legno nodoso dell’ulivo.

In certi casi, la vittima veniva legata e inchiodata alla croce prima che fosse disposta in posizione verticale.

Come si moriva in croce

Non avendo alcuna possibilità di sostenere il corpo, la morte giungeva dopo poche ore, accompagnata da spasmi muscolari e asfissia.

Per prolungare l’agonia e il momento della morte, i Romani ponevano la vittima su una sorta di seduta in legno o di supporto (sedile) posizionato a metà della croce,

che permetteva alla vittima di appoggiarsi, senza però arrecarle alcun sollievo. Talvolta era fornito anche un supporto per i piedi (suppedaneum).

L’inchiodatura dei piedi

L’inchiodatura dei piedi infliggeva un dolore atroce ed aveva una funzione simile alla rottura deliberata delle ossa delle gambe; entrambe le procedure dovevano affrettare la morte.

Così lo Pseudo Maneto descriveva i criminali crocifissi:

puniti torcendo le loro membra, essi si aggrappavano al palo come loro unica speranza; fissati (e) inchiodati nei tormenti più amari, cibo indigesto per gli uccelli rapaci e lugubre bottino per i cani.

Apotelesmatica 4,198

Tratto da Shimon Gibson, The final days of Jesus, Oxford 2009, pp. 113-115.

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Come si è formata la Torah?   – Prima parte

Come si è formata la Torah? – Prima parte

Fino al XVI secolo, nessun studioso dubitava che Mosè fosse l'autore materiale del Pentateuco. Mosè aveva scritto tutti i libri del Pentateuco, al massimo servendosi di fonti. I primi studi sul Pentateuco Il primo a dubitare di questa paternità fu lo studioso tedesco...

Innalzare il nome – נָשָׂא  

Innalzare il nome – נָשָׂא  

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹ֥א תִשָּׂ֛א אֶת־שֵֽׁם־יְהוָ֥ה אֱלֹהֶ֖יךָ לַשָּׁ֑וְא lo' tissa' 'et-shem-YHWH 'elohèka lashaweh Non innalzerai il nome del Signore tuo Dio invano (Es 20,7) Innalzare il nome del Signore:  mi ha colpito molto leggere questa traduzione...

Perché si ha paura di essere nudi?

Perché si ha paura di essere nudi?

Rispose: «Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Genesi 3,10 Perché Adamo ebbe paura? Cosa significa essere nudi? Significa la consapevolezza di essere creature davanti a Dio, bisognose di affidarsi a lui - e solo a...

La cerva e la vita

La cerva e la vita

(Articolo di Lisetta Delsoldato) Come la cerva anela ai corsi d'acqua, così l'anima mia anela a te, o Dio. Salmo 42,1 כְּאַיָּ֗ל תַּעֲרֹ֥ג עַל־אֲפִֽיקֵי־מָ֑יִם כֵּ֤ן נַפְשִׁ֨י תַעֲרֹ֖ג אֵלֶ֣יךָ אֱלֹהִֽים׃ תהלים 42,2 Mi ha colpito molto questo versetto. Mi ha colpito...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Idolo

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹֽ֣א תַֽעֲשֶׂ֨ה־לְךָ֥֣ פֶ֣֨סֶל֙ Non ti farai idolo (Es 20,4) Un idolo. Che cos'è quindi? Che significa che ci facciamo idoli? Letteralmente la traduzione dall'ebraico sarebbe "non farai per te un idolo". Cos'è un idolo? Il termine...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

9 + 9 =

error: Il contenuto è protetto