La scala (סֻלָּם֙) di Giacobbe

3 Ottobre 2023

Giacobbe è il figlio di Isacco e il nipote di Abramo, patriarchi d’Israele. Nel brano, Giacobbe è in fuga dalla collera di suo fratello Esaù, che desidera vendicarsi per avergli rubato la benedizione paterna.

Il sogno della scala

Durante la sua fuga, Giacobbe si ferma per la notte in un luogo solitario e si addormenta con una pietra come cuscino. È in questo momento che ha un sogno molto significativo:

Fece un sogno: una scala (סֻלָּם֙ – sullam) poggiava sulla terra, mentre la sua cima raggiungeva il cielo; ed ecco gli angeli di Dio salivano e scendevano su di essa.

Ecco il Signore gli stava davanti e disse: «Io sono il Signore, il Dio di Abramo tuo padre e il Dio di Isacco. La terra sulla quale tu sei coricato la darò a te e alla tua discendenza».

Genesi 28,12-13

La simbologia del brano

La scala rappresenta una connessione tra il cielo e la terra. È un mezzo attraverso il quale gli esseri umani possono comunicare con Dio.

Questa scala può essere vista come un ponte spirituale tra l’umanità e Dio. Indica che la comunicazione tra il cielo e la terra è possibile, e questo è un elemento fondamentale della fede ebraica.

Gli angeli che salgono e scendono dalla scala simboleggiano la presenza divina e l’interazione tra Dio e l’umanità.

Questo può essere interpretato come un messaggio che Dio è sempre presente nella vita degli individui e che gli angeli, come messaggeri divini, portano le benedizioni e la guida di Dio agli uomini.

Essi rappresentano anche la vera immagine del proprio sé, la verità di se stessi che può essere trovata nei sogni dove l’alto e il basso entrano in comunicazione, Dio e l’uomo si fondono.

La promessa divina che Dio rinnova confermando che anche lui sarà parte della benedizione divina e riceverà la terra promessa. Questo sottolinea il ruolo di Giacobbe come figura chiave nella storia del popolo ebraico e rafforza la sua fede nel piano divino.

Ghematria della parola “scala” (סֻלָּם֙)

Nell’alfabeto ebraico, la lettera “ס” (samekh) ha un valore numerico di 60, la lettera “ל” (lamed) ha un valore numerico di 30 e la lettera “ם” (mem sofit) ha un valore numerico di 600. Quindi, la parola “סֻלָּם֙” (scala) ha un valore numerico totale di 690 in ghematria

690 indica un’alleanza di sale, dove il sale indica l’impegno di una inviolabile amicizia ed è usato anche nei sacrifici che sanciscono un’alleanza. Perciò la “scala” indica un’amicizia inviolabile con il divino che si mostra condiscendente nei riguardi di Giacobbe, attraverso gli angeli (fonte).

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

Riflessioni su alcuni elementi del testo ebraico di Sodoma e Gomorra

Riflessioni su alcuni elementi del testo ebraico di Sodoma e Gomorra

Nel racconto biblico di Genesi 18,20-32, Abramo si interpone tra Dio e gli abitanti di Sodoma e Gomorra, insistendo ripetutamente sulla possibilità di trovare giusti nella città. La sua perseveranza nel cercare di salvare anche un piccolo numero di innocenti, persino...

Il simbolismo del deserto (midbar – מִדְבַּר) nella Bibbia

Il simbolismo del deserto (midbar – מִדְבַּר) nella Bibbia

Il deserto, termine ebraico "midbar" (מִדְבַּר), è strettamente collegato per assonanza a "davar" (דָבָר), che significa "parola". Questa associazione linguistica riflette un profondo legame simbolico: il deserto come luogo del parlare divino. Qui, lontano dalle...

La storia del sacerdote Eli al santuario di Silo

La storia del sacerdote Eli al santuario di Silo

Eli - in Ebr. אֵלִי [YHWH] è esaltato - era un sacerdote che presiedeva al tempio a Silo - uno dei più antichi santuari d'Israele - dove l'Arca dell'Alleanza era custodita. La storia di Eli è descritta nei primi capitoli del Primo Libro di Samuele (cc. 1-4). Eli aveva...

Come va interpretata la Bibbia?

Come va interpretata la Bibbia?

Da secoli essa è al centro di dibattiti non solo riguardo ai suoi contenuti e alle sue dottrine, ma anche intorno al modo in cui interpretarla. Il modo in cui la leggono gli Ebrei Gran parte degli Ebrei interpretano le Sacre Scritture - che corrisponde grosso modo al...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

La stella di Betlemme: scienza o mistica?

Quando la vita di un uomo scorre felice e senza problemi, si dice che quella persona è nata sotto una buona stella. In effetti, per gli antichi, il momento della nascita corrispondeva a una certa configurazione astrale, con un significato preciso per il futuro del...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

2 + 2 =

error: Il contenuto è protetto