La risata serpentina e ingannatrice

19 Maggio 2021

Il serpente disse alla donna: «No, non morirete affatto …

Genesi 3,4

Questa è la risposta decisa e netta del serpente, di chi sta per trascinare la donna nel suo orribile ed oscuro mondo. Nel mio libro La Bibbia riscritta e commentata ho reso l’esclamazione in questo modo: “Ahahah! No, non morirete affatto”.

Risata sardonica e serpentina

Chiaramente, qui non abbiamo più un animale, ma un essere estremamente raffinato e perfino diabolicamente ironico. Potremmo immaginare una persona che per tranquillizzare qualcun’altra getta il capo un po’ all’indietro e sorride sardonicamente.

Più che tranquillizzare, si direbbe che si tratta della risata di uno che è divertito davanti all’ingenuità di qualcuno che crede ingenuamente a storie fantastiche. Ma quella che Dio aveva raccontato ad Adamo non era una storia fantastica. La prospettiva mortale legata alla consumazione del frutto della conoscenza del bene e del male è la folle corsa verso l’abisso di chi crede di poter fare tutto, senza limiti né censura. 

Il mestiere del serpente

Il serpente fa il suo mestiere, quello di camuffare la realtà delle cose, ingannare, distorcere per il solo gusto di vedere rovinata la creatura più bella e più eccelsa uscita dalle mani di Dio. Anche lui, secondo la Bibbia (cfr. Ezechiele 28) un giorno era il “più bello” di tutti tra gli angeli, era il “cherubino guardiano” che Dio aveva posto nel giardino dell’Eden.

Tuttavia egli si insuperbì e fu gettato fuori, divorato dalle fiamme che si sprigionarono da lui stesso. Il serpente della Genesi rappresenta questo e molto di più; esso rappresenta il mondo del male che Dio non creò, perché esso iniziò ad essere in virtù di una ribellione, di qualcosa che si staccò dal progetto di Dio, per diventare un mondo parallelo e tenebroso, costantemente rivolto verso l’abisso. 

Ma Eva non sapeva tutto questo. Ciò che sapeva era l’ordine dato ad Adamo di non mangiare dell’albero; ciò che sapeva era che Dio non li avrebbe ingannati; ciò che sapeva era che si trovava in una condizione di vita – quella dell’Eden – dove non le mancava nulla. Il serpente le presenta, invece, una prospettiva migliore. Sarà vero? 

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Tenebre (חשֶׁךְ) e abissi

Tenebre (חשֶׁךְ) e abissi

E le tenebre ricoprivano l'abisso Genesi 1,2 Qui ci sono due parole che necessitano di essere spiegate, o per meglio dire, immaginate. Gli antichi ebrei, infatti, non ragionavano per concetti, non si facevano idee astratte della realtà, ma nutrivano la loro mente...

Il serpente (נָחָשׁ nachash) è davvero un animale maledetto?

Il serpente (נָחָשׁ nachash) è davvero un animale maledetto?

Allora il Signore Dio disse al serpente: «Poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di tutto il bestiame e più di tutte le bestie selvatiche; sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita Genesi 3,14 Povero serpente! Condannato...

La donna e il serpente: il linguaggio dell’angoscia

La donna e il serpente: il linguaggio dell’angoscia

Il Signore Dio disse alla donna: Che hai fatto? Rispose la donna: il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato Genesi 3,13 Né l'uomo né la donna si prende la responsabilità delle proprie azioni. Questo è chiaro e viene ribadito ogni volta che, nei più diversi...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Barà (בָּרָ֣א): creare dal nulla?

La seconda parola della Bibbia ebraica è barà (בָּרָ֣א) che, normalmente e giustamente, viene tradotta con "creare": All'inizio del tempo, Dio creò ... non parlerò di "che cosa" creò, ma del significato di questo verbo ebraico. Il verbo può essere tradotto,...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

12 + 15 =