La nascita prodigiosa di Noè

2 Giugno 2021

Dopo del tempo, mio figlio Matusalemme prese una moglie per suo figlio Lamek e costei rimase incinta da lui e generò un figlio. Ed era, la sua carne, bianca come neve e rossa come rosa e i capelli del suo capo e la sua chioma erano come bianca lana e belli erano i suoi occhi e, quando li apriva, illuminava tutta la casa, come il sole, e tutta la casa risplendeva assai.

E quando fu preso dalle mani delle levatrice, aprì la bocca e parlò al Signore di giustizia. Suo padre, Lamek, ebbe paura di lui e fuggì. E venne da suo padre Matusalemme e disse: “Io ho generato un figlio diverso. Non è come gli uomini, ma sembra figlio degli angeli del cielo e la sua creazione è diversa e non è come noi e i suoi occhi sono come i raggi del sole: la sua faccia risplende.

Mi sembra che egli non sia nato da me, ma dagli angeli ed io temo che, ai suoi giorni, avverrà un prodigio sulla terra. Ed ora io, padre mio, ti scongiuro e ti prego acché tu vada da Enoch, nostro padre, ed ascolti da lui il vero, poiché la sua residenza è con gli angeli”.

E quando Matusalemme ascoltò le parole del figlio, venne da me, ai confini della terra, poiché aveva udito che io stavo colà, e gridò. Io udii la sua voce e venni presso di lui e gli dissi: Eccomi, figlio mio, perché sei venuto presso di me?”.

Egli mi rispose e mi disse: “Son venuto da te per causa di una gran cosa e per la visione terribile per la quale mi sono avvicinato. Ora, ascoltami, o padre mio, poiché a mio figlio Lamek è nato un figlio il cui aspetto e la cui creazione non è come la creazione degli uomini;

il suo colore è bianco più della neve e rosso più della rosa, i suoi capelli sono bianchi più della bianca lana e i suoi occhi sono come i raggi del sole ed egli ha aperto gli occhi ed ha illuminato tutta la casa.  E’ stato sollevato dalle mani della levatrice, ha aperto la sua bocca e ha benedetto il Signore del cielo.  E suo padre Lamek si è spaventato ed è corso da me e non credeva che egli fosse nato da lui, ma quasi come dagli angeli del cielo. Ed ecco, sono da te perché tu mi annunci il vero”.

Ed io, Enoch, risposi e gli dissi: “Il Signore rinnova le novità sulla terra ed io ho già visto ciò nella visione e ti ho fatto noto che nella generazione di Yared, mio padre, si è negletta, dall’alto dei cieli, la parola del Signore.  Ed eccoli, fanno peccato e trasgrediscono la legge e si sono uniti con le donne e commettono peccato con esse e hanno preso mogli da esse e, da esse, hanno generato figli.

Genereranno sulla terra i giganti, non di spirito, ma di carne e sarà gran flagello sulla terra ed essa si laverà da tutta la corruzione. E sarà gran distruzione su tutta la terra, vi sarà un diluvio e, per un anno, vi sarà gran distruzione. Questo figlio che vi è stato generato, egli solo resterà sulla terra e tre suoi figli si salveranno con lui. Quando sulla terra moriranno tutti gli uomini, lui ed i suoi figli si salveranno.

E adesso annuncia a tuo figlio Lamek che questo che è nato è veramente suo figlio e chiamalo Noè, perché egli vi sopravviverà ed egli ed i suoi figli si salveranno dalla distruzione che giungerà sulla terra, causata da tutti i peccati e da tutta la violenza che si compirà, si suoi giorni, sulla terra.

E, dopo di ciò, vi sarà sulla terra iniquità maggiore della precedente, perché io conosco i segreti dei santi, dato che il Signore me li ha mostrati e fatti conoscere ed io ho letto sulle tavole del cielo.

Ed ho visto scritto, su di esse che l’umanità, di generazione in generazione, peccherà fin quando sorgerà una generazione di giustizia e la colpa sarà distrutta, il peccato sarà allontanato da sulla terra e tutto il bene verrà su di essa. Ed ora, figlio mio, va, annunzia a tuo figlio Lamek che questo figlio che è stato generato è veramente suo figlio e non vi è inganno.

E quando Matusalemme udì la parola di suo padre Enoc, poiché di nascosto gli aveva mostrato ogni fatto, ritornò a vederlo e chiamò quel figlio col nome di Noè poiché egli rallegrerà la terra da ogni rovina.

(Apocalisse noachica, ovvero conclusione dei libri di Enoch, capp. 106-107)

Questo testo – che racchiude frammenti di un racconto assai antico detto Libro di Noè  – racconta i prodigi che accompagnarono la nascita di Noè.  Il Padre, Lamek, impressionato dalle fattezze angeliche del figlio, si recò a consultare Enoch in cielo. Enoch gli spiega quale sarà il destino del bambino, che dovrà essere chiamato Noè.

Il diluvio non riuscirà a distruggere il male, perché?

L’elemento interessante è che nel testo – di natura apocalittica, ossia che annuncia un intervento di Dio sulla terra – si nota il pessimismo di Enoch, il quale avvisa Lamek che il diluvio non estirperà il male sulla terra e che, dopo il diluvio, la situazione addirittura peggiorerà.

Si dovrà attendere una generazione in cui il peccato sarà allontanato definitivamente dalla terra. Sullo sfondo, si ravvisa uno dei temi caratteristici dell’opera di Enoch, ossia il peccato degli angeli che non può essere espiato o cancellato se non attraverso una vera e propria distruzione della colpa che non può avvenire solo con il diluvio.

Sono qui intrecciati diversi temi cari ad Enoch, come per esempio il fatto che anche se i Giganti sono distrutti dalle acque del diluvio, il loro spirito impuro continua a dimorare sulla terra, inducendo al peccato. Occorre un particolare intervento divino per eliminare questa influenza e ciò avverrà, quando giungerà la generazione di giustizia.

Il personaggio Noè

Di particolare interesse, inoltre, la descrizione del piccolo Noè (in Ebraico נוֹחַ Noach “colui che consola”). I colori usati per descrivere – bianco, rosso – e lo splendore degli occhi che illuminano, sono temi e simboli apocalittici ben noti e designano esseri che provengono dalla sfera celeste o incaricati di missioni particolari (cfr. per es. Dan. 7).

Infine, il tema del diluvio conobbe un’ampia fioritura nell’ambito apocalittico di matrice enochica. Il diluvio visto come una vera e propria manifestazione della giustizia divina. Un tema così sviluppato che ha condotto poi anche allo sviluppo letterario e teologico del suo protagonista, Noè.

Uno sviluppo che giungerà fino al Nuovo Testamento, così infatti si legge nel Vangelo di Matteo:

Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e marito, fino a quando Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e inghiottì tutti, così sarà anche alla venuta del Figlio dell’uomo.

Matteo 24,38-39

Gli eventi che preluderanno al ritorno di Gesù, saranno simili a quelli descritti nel racconto del diluvio. Come vi fu un’arca, vi sarà un “rifugio” per i veri seguaci di Cristo che vivranno alla fine dei tempi. Questo “rifugio” è anzitutto interiore, quel regno che Gesù predicò e in cui si può stare al sicuro.

Photo by Lucas Dial on Unsplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Come si è formata la Torah?   – Prima parte

Come si è formata la Torah? – Prima parte

Fino al XVI secolo, nessun studioso dubitava che Mosè fosse l'autore materiale del Pentateuco. Mosè aveva scritto tutti i libri del Pentateuco, al massimo servendosi di fonti. I primi studi sul Pentateuco Il primo a dubitare di questa paternità fu lo studioso tedesco...

Innalzare il nome – נָשָׂא  

Innalzare il nome – נָשָׂא  

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹ֥א תִשָּׂ֛א אֶת־שֵֽׁם־יְהוָ֥ה אֱלֹהֶ֖יךָ לַשָּׁ֑וְא lo' tissa' 'et-shem-YHWH 'elohèka lashaweh Non innalzerai il nome del Signore tuo Dio invano (Es 20,7) Innalzare il nome del Signore:  mi ha colpito molto leggere questa traduzione...

Perché si ha paura di essere nudi?

Perché si ha paura di essere nudi?

Rispose: «Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Genesi 3,10 Perché Adamo ebbe paura? Cosa significa essere nudi? Significa la consapevolezza di essere creature davanti a Dio, bisognose di affidarsi a lui - e solo a...

La cerva e la vita

La cerva e la vita

(Articolo di Lisetta Delsoldato) Come la cerva anela ai corsi d'acqua, così l'anima mia anela a te, o Dio. Salmo 42,1 כְּאַיָּ֗ל תַּעֲרֹ֥ג עַל־אֲפִֽיקֵי־מָ֑יִם כֵּ֤ן נַפְשִׁ֨י תַעֲרֹ֖ג אֵלֶ֣יךָ אֱלֹהִֽים׃ תהלים 42,2 Mi ha colpito molto questo versetto. Mi ha colpito...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Idolo

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹֽ֣א תַֽעֲשֶׂ֨ה־לְךָ֥֣ פֶ֣֨סֶל֙ Non ti farai idolo (Es 20,4) Un idolo. Che cos'è quindi? Che significa che ci facciamo idoli? Letteralmente la traduzione dall'ebraico sarebbe "non farai per te un idolo". Cos'è un idolo? Il termine...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

8 + 6 =

error: Il contenuto è protetto