La manna nel deserto: cosa significa? Cosa simboleggia?

6 Settembre 2023

La parola “manna” deriva dal nome ebraico “מָן” (man), che appare nella Bibbia ebraica. Il termine “manna” è stato adottato in molte lingue europee, ma la sua etimologia esatta è stata oggetto di dibattito tra gli studiosi.

Il significato della parola “manna”

La radice ebraica “מָן” (man) è stata interpretata in vari modi. Alcuni studiosi suggeriscono che potrebbe derivare dalla radice ebraica “מִן” (min), che significa “dalla parte di,” indicando che la manna è venuta “dalla parte di Dio.”

Altri ritengono che possa derivare dalla radice מָה (mah), che significa “cosa” o “che cosa,” suggerendo che la manna fosse vista come una cosa misteriosa e divina. L’espressione esatta che ricorre nella Bibbia ebraica è מָ֣ן ה֔וּא (man hu’) e ricorre in Es 16,15, che tradotta alla lettera significa “cosa (è) quello?”:

li Israeliti la videro e si dissero l’un l’altro: «Man hu: che cos’è?», perché non sapevano che cosa fosse. Mosè disse loro: «È il pane che il Signore vi ha dato in cibo».

Indipendentemente dall’etimologia precisa, il nome “manna” – la cui pronuncia deriva dal Greco μάννα – suggerisce l’origine non terrestre di questo cibo e la sua connessione con la provvidenza divina.

La manna nella Bibbia

La manna appare per la prima volta nella Bibbia nel libro dell’Esodo, quando gli Israeliti fuggono dall’Egitto sotto la guida di Mosè.

Nel deserto, gli Israeliti iniziarono a soffrire la fame, ma Dio rispose alle loro suppliche fornendo loro la manna ogni mattina.

Secondo la narrazione biblica, la manna era un cibo dolce, simile al pane o al miele, che appariva come rugiada sul terreno durante la notte. Gli Israeliti dovevano raccoglierla ogni mattina e consumarla, poiché il cibo spariva al tramonto.

La simbologia della manna

La manna ha una profonda simbologia nella tradizione ebraica e cristiana. Essa rappresenta la provvidenza divina, la fedeltà di Dio e la sua assistenza all’uomo anche nelle circostanze più difficili.

Nella tradizione cristiana, la manna è spesso interpretata come simbolo dell’Eucaristia, il sacramento della Comunione. Questo collegamento sottolinea la continuità tra l’Antico e il Nuovo Testamento e l’importanza della fede in Cristo come nutrimento spirituale.

L’immagine della manna nella pittura

Ci sono diversi quadri famosi che ritraggono la scena della manna nel deserto o che fanno riferimento a questa storia biblica. Ecco alcuni esempi:

    1. “La Caduta della Manna” di Jacopo Tintoretto:
      • Artista: Jacopo Tintoretto
      • Data: XVI secolo
      • Stile: Rinascimento italiano
      • Descrizione: Questo dipinto raffigura la scena della manna nel deserto con uno sfondo scuro e drammatico. La manna è rappresentata come piccoli pani bianchi che cadono dal cielo. Il popolo israelita si affretta a raccoglierli, alcuni si chinano per prenderli mentre altri sollevano le mani verso il cielo in un gesto di gratitudine e meraviglia. La luce divina illumina la scena dallo sfondo.
    2. “La Caduta della Manna” di Nicolas Poussin:
      • Artista: Nicolas Poussin
      • Data: XVII secolo
      • Stile: Barocco francese
      • Descrizione: Questo dipinto di Poussin mostra la manna che scende dal cielo su un gruppo di israeliti in un paesaggio desertico. La composizione è equilibrata e regolare, con figure umane chiaramente delineate. La manna è raffigurata come piccoli panini rotondi, mentre il popolo israelita sembra meravigliato e grato.
    3. “Il Pane Eucaristico” di Salvador Dalí:
      • Artista: Salvador Dalí
      • Data: XX secolo
      • Stile: Surrealismo
      • Descrizione: Questo dipinto di Dalí è un’opera surreale che combina il tema della manna con l’iconografia eucaristica. La manna è rappresentata come una cascata di pani dalla bocca di Gesù Cristo, che è sospeso sopra una tavola dell’Ultima Cena. Questo dipinto enfatizza la connessione tra l’Antico e il Nuovo Testamento e suggerisce che la manna prefiguri l’Eucaristia cristiana.
    4. “La Caduta della Manna” di Benedetto Gennari il Giovane:
      • Artista: Benedetto Gennari il Giovane
      • Data: XVII secolo
      • Stile: Barocco italiano
      • Descrizione: Questo dipinto barocco italiano mostra la manna cadere dal cielo su un gruppo di persone in un paesaggio desertico. Gli angeli sono presenti nella scena, e la luce divina illumina la manna e le figure umane, creando un’atmosfera mistica e sacra.
    5. “La Caduta della Manna” di Abraham Bloemaert:
      • Artista: Abraham Bloemaert
      • Data: XVII secolo
      • Stile: Barocco olandese
      • Descrizione: Questo dipinto olandese del XVII secolo raffigura la manna cadere dal cielo in un paesaggio aperto. Il popolo israelita si china per raccogliere il cibo divino, e la scena è caratterizzata da un senso di movimento e partecipazione attiva. La luce naturale illumina la scena.
    6. “La Caduta della Manna” di Luca Giordano:
      • Artista: Luca Giordano
      • Data: XVII secolo
      • Stile: Barocco italiano
      • Descrizione: Questo dipinto del XVII secolo mostra la manna che scende dal cielo mentre il popolo israelita la raccoglie con gesti di sorpresa e gratitudine. L’opera è caratterizzata da una composizione dinamica e da colori vivaci tipici dello stile barocco italiano.
    7. “La Caduta della Manna” di Alessandro Magnasco:
      • Artista: Alessandro Magnasco
      • Data: XVIII secolo
      • Stile: Barocco italiano
      • Descrizione: Questo dipinto presenta una scena pittoresca della manna che cade dal cielo. La manna è raffigurata come piccoli pezzi di pane bianco che si stagliano contro uno sfondo scuro. Le figure umane sono stilizzate e quasi eteree, dando all’opera un tocco di mistero.
Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

La potenza della parola: il verbo אָמַר (‘amar) nella Bibbia Ebraica

La potenza della parola: il verbo אָמַר (‘amar) nella Bibbia Ebraica

Genesi 1,3 «Dio disse: «Sia la luce!» E la luce fu». וַיֹּאמֶר אֱלֹהִים יְהִי אוֹר וַיְהִי אוֹר Vayomer Elohim yehi or vayhi or In questo versetto, il verbo אָמַר (amar) è usato per descrivere l'atto creativo di Dio. Dio "disse" e, con la sua parola, creò la luce....

Perché la preghiera spesso un funziona?

Perché la preghiera spesso un funziona?

«In verità io vi dico: se uno dice a questo monte: «Sii sollevato e sii gettato nel mare», e se non dubita suo cuore, ma crede che quanto dice avverrà, gli sarà fatto» Marco 11,23 ἀμὴν λέγω ὑμῖν ὅτι ὃς ἂν εἴπῃ τῷ ὄρει τούτῳ Ἄρθητι καὶ βλήθητι εἰς τὴν θάλασσαν καὶ μὴ...

Di quanti libri è composta la Bibbia ebraica?

Di quanti libri è composta la Bibbia ebraica?

La Bibbia ebraica, o Tanakh, è una raccolta di testi sacri che formano la base del giudaismo. La parola "Tanakh" è un acronimo formato dalle iniziali delle tre parti principali che la compongono: Torah, Nevi'im e Ketuvim. Torah (תּוֹרָה) «Ascolta, Israele: il Signore...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Chi è l’angelo (מַלְאָךְ – mal’ak) nella Bibbia ebraica?

Il termine מַלְאָךְ appare in numerosi passaggi della Bibbia ebraica. La parola ebraica מַלְאָךְ (mal’akh) deriva dalla radice verbale לָאַךְ (la’akh), che significa "inviare". Pertanto, מַלְאָךְ può essere tradotto come "messaggero" o "colui che è inviato". Nella...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

14 + 8 =

error: Il contenuto è protetto