La creazione dell’uomo – Prima parte

25 Agosto 2021

Allora il Signore Dio plasmò l’uomo con polvere del suolo …

(Genesi 2,7)

Rispetto alla prima versione del racconto della creazione (cfr. Gen 1,26-27) osserviamo una notevole differenza. Nel primo capitolo della Genesi si diceva che Dio “Creò l’uomo a sua immagine e somiglianza”. In quel brano non si diceva quale fu il risultato dell’attività creatrice di Dio;

il testo si limitava a dire che Dio aveva creato l’uomo a “sua immagine e somiglianza”, ma senza specificare il modo in cui concretamente lo creò.

Il secondo racconto della creazione dell’uomo

Nel secondo racconto della creazione, invece, ciò viene chiaramente indicato: l’uomo è una specie di statua, una strana statua, fatta di polvere … a questa specificazione corrisponde anche un’immagine di Dio assai diversa, poiché qui Egli viene immaginato come un artigiano che produce i suoi oggetti. 

Questa diversità nel modo in cui Dio viene presentato non indica, però, che qui si ha in mente un Dio diverso dal primo. Si tratta solo di autori diversi che immaginavano Dio in modo diverso, poiché abitavano in posti diversi.

L’autore del secondo racconto della creazione – quello di cui stiamo parlando (Gen 2,5-25) – viveva probabilmente tra coloro che erano rimasti in Giudea e non furono esiliati nel 587 a.C. in Babilonia dal re Nabucodonosor.

Egli viveva di agricoltura ed aveva un forte legame con la terra, diversamente dagli ebrei che soggiornavano in Babilonia che erano invece a contatto con un ambiente cosmopolita ed urbano. Egli, perciò, descrisse la creazione dell’uomo attraverso le immagini del mondo agricolo in cui viveva ogni giorno.

Un uomo fatto di polvere

Dio era per lui come un vasaio, che plasmava oggetti con la creta. Tuttavia, nel testo si dice che Dio “plasmò l’uomo con la polvere del suolo”. In Ebraico, la parola “suolo” è “adamàh” (אֲדָמָ֔ה). Si tratta del terreno asciutto e arido, dal quale possono sollevarsi nuvole di polvere, quando tira vento. Dio plasmò l’uomo servendosi proprio della “polvere”, in Ebraico “afàr” (עָפָר֙).

Com’è possibile fare un oggetto servendosi della polvere? Come interpretare questa frase? Forse l’uomo è un “ammasso di pulviscolo”? Forse di voleva indicare qualcosa della sua natura?

In Ebraico, uomo è “adàm” (אָדָ֗ם), una parola che proviene da “adamàh” (אֲדָמָ֔ה). Questo legame linguistico rappresenta il profondo rapporto dell’ebreo che scrisse questo capitolo con la madre terra. Forse, però, egli voleva indicare che la natura dell’uomo è più “volatile, eterea” rispetto ad un oggetto plasmato con la creta.

Egli, invece, è costituito dalle particelle della polvere, di qualcosa di più sottile e raffinato rispetto alla terra. Si tratta, ovviamente, solo di una ipotesi. Certamente, però, l’autore del brano doveva essere ben consapevole di non essere uguale a tutti gli altri esseri viventi. Ne parleremo la prossima volta.

Photo by Colton Sturgeon on Unsplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

Perché il serpente morde il calcagno della donna?

Perché il serpente morde il calcagno della donna?

Quello tra la donna e il serpente è veramente un rapporto strano, subdolo e comunque misterioso. L'insieme del capitolo terzo della Genesi suggerisce che tra la donna e il serpente esista una certa affinità, un segreto ed ambivalente rapporto. Già per il fatto che il...

Perché si ha paura di essere nudi?

Perché si ha paura di essere nudi?

Rispose: «Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Genesi 3,10 Perché Adamo ebbe paura? Cosa significa essere nudi? Significa la consapevolezza di essere creature davanti a Dio, bisognose di affidarsi a lui - e solo a...

Quando essere cristiani significherà vivere ai margini

Quando essere cristiani significherà vivere ai margini

Il sistema rappresentato da Babilonia la Grande è in stretto rapporto (e quasi s’identifica) con la prima bestia che sale dal mare, da cui deriva anche l’attività della seconda bestia, che sale dalla terra. Entrambe sono a loro volta in diretta relazione con la loro...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Il pozzo di acqua viva (בְּאֵ֖ר מַ֥יִם חַיִּֽים)

 וַיַּחְפְּר֥וּ עַבְדֵֽי־יִצְחָ֖ק בַּנָּ֑חַל וַיִּ֨מְצְאוּ־שָׁ֔ם בְּאֵ֖ר מַ֥יִם חַיִּֽים:Testo ebraico di Genesi 26,19 TRASLITTERAZIONE: Wayyachperù 'avde-itschaq banàchal wayy'mtse'ù-sham be'èr màyim chayyim Traduzione letterale: I servi di Isacco scavarono nel...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

1 + 2 =

error: Il contenuto è protetto