La cabala e la mistica ebraica

4 Luglio 2023

La Cabala – קַבָּלָה in Ebraico – anche nota come Cabala, è una tradizione mistica ebraica che si occupa dello studio dei principi esoterici e dei misteri della Torah.

È un sistema di pensiero complesso che cerca di comprendere gli aspetti nascosti e spirituali dell’universo e della relazione tra l’uomo e il divino.

La parola “Qabbalah” – קַבָּלָה – deriva dalla radice ebraica “QBL” – קבל – che significa “ricevere”. Ciò significache la Cabala è una tradizione che è stata tramandata attraverso generazioni di saggi e studiosi ebraici.

La Cabala ha origini antiche, ma il suo sviluppo principale avvenne nel periodo medievale, soprattutto nella Spagna moresca e successivamente in altre parti del mondo ebraico.

Uno dei testi centrali della Cabala è il “Libro della Creazione o Formazione” o “Sefer Yetzirah” – סֵפֶר יְצִירָה‎ in Ebr. – che fu uno dei primi testi a esplorare le corrispondenze tra le lettere ebraiche, numeri e principi cosmici.

Un altro testo fondamentale della Qabbalah è lo “Zohar” (Libro dello Splendore) – זֹהַר‎ in Ebr. – scritto da Rabbi Shimon bar Yochai nel XIII secolo. Lo Zohar è una raccolta di commentari mistici sulla Torah e contiene una vasta gamma di concetti e simboli associati alla Qabbalah.

Concetti fondamentali della Cabala

La Cabala si concentra su concetti come gli “Sefirot” סְפִירוֹת (le emanazioni divine), i “Partzufim” פַּרְצוּפִים (le manifestazioni divine), le “Lamed Vavniks”  לאַמע וואָווניק (i 36 giusti) e la “Tzimtzum” צִמצוּם (la contrazione divina).

Questi concetti sono utilizzati per spiegare l’origine dell’universo, la natura della divinità e la connessione tra l’uomo e Dio.

Partzufim

I “Partzufim” sono concetti fondamentali nella Cabala che descrivono le manifestazioni o i volti divini. Si riferiscono a diverse configurazioni o aspetti della divinità che riflettono varie qualità e attributi.

I Partzufim sono spesso rappresentati come figure antropomorfiche o metaforiche per aiutare a comprendere  complessi concetti mistici. Ciascun Partzuf è caratterizzato da una combinazione unica di Sefirot, le emanazioni divine che rappresentano i diversi aspetti dell’universo e della divinità stessa.

Il concetto dei Partzufim si basa sulla premessa che l’Essere divino, chiamato anche ‘En Sof – אֵין סוֹף – (l’Infinito), è troppo vasto e complesso per essere compreso e conosciuto direttamente. Pertanto, ‘En Sof si manifesta attraverso i Partzufim, che sono una sorta di filtro o intermediario tra l’Essere divino e il mondo fisico.

Ci sono diversi Partzufim che sono descritti nella tradizione della Qabbalah. Alcuni dei principali sono:

  1. Adam Kadmon: Questo è il Partzuf primordiale, la forma originaria dell’uomo, che rappresenta l’immagine divina dell’umanità. È considerato la radice di tutti gli altri Partzufim.
  2. Atik Yomin: Questo è il “Vecchio dei Giorni”, la forma più elevata dell’Essere divino. Rappresenta l’aspetto trascendente e nascosto di Dio.
  3. Arich Anpin: Questo è il “Volto Lungo” o “Volto Esteso”, che rappresenta la misericordia divina e la saggezza superiore.
  4. Abba e Imma: Questi sono il “Padre” e la “Madre”, che rappresentano i principi maschili e femminili dell’amore e della compassione divina.
  5. Zeir Anpin: Questo è il “Piccolo Volto” o “Volto Giovane”, che rappresenta il principio maschile attivo e la manifestazione di Dio nel mondo fisico.
  6. Nukva: Questo è il “Femminile”, rappresenta il principio femminile passivo e la manifestazione della comunità e dell’accoglienza divina.

I Partzufim sono collegati e interconnessi tra loro, formando una complessa rete di relazioni divino-umane.

Attraverso la meditazione e lo studio dei Partzufim, si crede che sia possibile sviluppare una connessione più profonda con il divino e una maggiore comprensione dei misteri dell’universo.

Lamed vavnik

I “Lamed Vavniks” sono una figura leggendaria e misteriosa nella tradizione ebraica. Secondo la credenza, sono un gruppo di 36 individui giusti e altruisti che vivono in ogni generazione e che, con la loro presenza, contribuiscono a sostenere il mondo.

La loro denominazione “Lamed Vavniks” è legata alla lingua ebraica. La lettera “Lamed” (ל) e la lettera “Vav” (ו) rappresentano i numeri 30 e 6, rispettivamente. Quindi, “Lamed Vavniks” significa letteralmente “trentasei”.

Secondo la tradizione, questi 36 giusti sono talmente umili e discreti che non sono consapevoli del loro ruolo o della loro importanza.

Si mescolano tra le persone comuni e spesso svolgono lavori ordinari, senza attirare l’attenzione su di sé. Tuttavia, si dice che il loro comportamento puro e virtuoso sia di vitale importanza per la sopravvivenza del mondo.

La credenza nei Lamed Vavniks ha origini antiche e si è diffusa in diverse comunità ebraiche. La tradizione si basa su alcune storie bibliche e testi mistici che fanno riferimento a persone giuste e altruiste che hanno avuto un impatto significativo sulla storia ebraica e sulla protezione del popolo ebraico.

Secondo la credenza popolare, incontrare un Lamed Vavnik senza saperlo potrebbe portare fortuna o una benedizione. Si crede che la presenza di almeno 36 individui giusti nel mondo sia sufficiente per giustificare l’esistenza e la salvezza dell’intera umanità.

Tuttavia, è importante notare che la figura dei Lamed Vavniks non è una dottrina o un insegnamento ufficiale della religione ebraica. È più una leggenda o una tradizione popolare che riflette l’idea dell’importanza della giustizia e dell’altruismo nella spiritualità ebraica.

Tsimtsum

Il concetto di “Tsimtsum” è un elemento centrale nella tradizione della Qabbalah. La parola “Tsimtsum” significa “contrazione” o “restrizione”, e si riferisce all’idea che l’Essere divino, chiamato ‘En Sof (l’Infinito), si sia contratto o ritirato per creare spazio per l’esistenza dell’universo.

La contrazione dell’Ein Sof permette la creazione di uno spazio vuoto o di un “vuoto” all’interno dell’universo in cui possono manifestarsi le varie forme di esistenza.

È come se Dio avesse lasciato un vuoto per permettere l’emergere di altre realtà e individui. Questa contrazione è vista anche come un atto di amore e di generosità da parte di Dio, poiché permette agli altri di esistere e di svilupparsi.

Il concetto di Tsimtsum sottolinea l’idea che, nonostante la contrazione di Dio, la sua presenza continua a permeare tutto l’universo. In altre parole, anche se Dio si è ritirato per creare spazio per il mondo, la sua energia e la sua essenza sono ancora presenti e si manifestano attraverso le diverse forme di vita e di esistenza.

Oggi molti si improvvisano qabalisti, ma bisogna ricordare che senza la conoscenza dell’ebraico e della mistica ebraica, si rischia di introdurre elementi estranei ad essa e fuorvianti.

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

La Torah come parola di Dio

La Torah come parola di Dio

Durante il Medioevo, la Torah era considerata invariabilmente la parola divina, immutabile e perfetta. Gli studiosi ebrei medievali, come Rashi (Rabbi Shlomo Yitzchaki, 1040-1105) e Maimonide (Rabbi Moshe ben Maimon, 1138-1204), hanno offerto interpretazioni...

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Le espressioni ebraiche utilizzate per descrivere la colonna di nube e di fuoco sono "עַמּוּד הֶעָנָן" ('ammud he-'anan) e "עַמּוּד הָאֵשׁ" ('ammud ha'esh). "עַמּוּד" ('ammud) significa "colonna" o "pilastro", indicando una forma verticale solida e imponente....

I giganti che abitavano nell’antica Canaan

I giganti che abitavano nell’antica Canaan

Il capitolo tredicesimo del libro dei Numeri narra che, su comando divino, Mosè invia dodici esploratori, uno per ciascuna tribù di Israele, per osservare la terra di Canaan. Dopo quaranta giorni, gli esploratori ritornano con report di una terra fertile ma abitata da...

L’esempio di Rahab (רָחָב) la prostituta di Gerico

L’esempio di Rahab (רָחָב) la prostituta di Gerico

Il nome "Rahab" (רָחָב in ebraico) è ricco di significato. Etimologicamente, Rahab può essere associato alla radice רחב (rhb), che significa "essere ampio" o "allargare". Questo può essere interpretato in vari modi, tra cui l'idea di "spaziosità" o di "espansione"....

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Perché imparare l’Ebraico?

Accedere al testo nella sua forma originale La Bibbia ebraica, o Tanakh, è stata scritta originariamente in ebraico (con alcune parti in aramaico). Studiare l'ebraico biblico permette di leggere queste scritture nella loro forma originale, senza le modifiche di...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

5 + 12 =

error: Il contenuto è protetto