La בֵּית (bet) di בְּרֵאשִׁ֖ית (bereshit) – Cristo principio e fine

17 Giugno 2021

Bet ב è la seconda lettera dell’Alfabeto ebraico. Siccome in Ebraico non esiste un sistema numerico distinto da quello alfabetico, i rabbini e qabalisti hanno attribuito il numero 2 (due) a questa lettera, poiché essa segue alef che rappresenta infatti il numero uno.

Si tratta di una lettera molto importante, visto che con essa inizia la Torah, i primi cinque libri della Bibbia:

בְּרֵאשִׁ֖ית בָּרָ֣א אֱלֹהִ֑ים אֵ֥ת הַשָּׁמַ֖יִם וְאֵ֥ת הָאָֽרֶץ

bereshit barà ‘elohim ‘et-hashamayim we-et ha’arets

In principio Dio creò i cieli e la terra

Genesi 1,1

ב infatti significa “in” (בְּ) una delle principali preposizioni ebraiche, insieme a כְּ (ke “come”) e a לְ (le “a”). Curiosamente, la stessa parola “bet” בֵּית può essere ricavata dalla parte iniziale e finale della prima parola della Bibbia:

בְּ רֵאשִׁ֖ ית

בֵּית

Quindi dentro bet – la prima lettera della Bibbia – c’è il capo, l’inizio, il principio. Ciò permette di collegare direttamente il versetto – non solo tematicamente – ma anche strutturalmente e con un disegno preciso che sfugge alla nostra mente al Vangelo di Giovanni:

Ἐν ἀρχῇ ἦν ὁ λόγος, καὶ ὁ λόγος ἦν πρὸς τὸν θεόν, καὶ θεὸς ἦν ὁ λόγος

en arche en o logos, kai o logos en pros theon, kai theos en o logos

Chi è il verbo? Adonay Yeshu – Il Signore Gesù –  il principio e il capo di tutto ciò che esiste. Perciò Cristo è veramente presente in tutta la Scrittura, dall’inizio alla fine, perché essa è ispirata da YHWH che fin dall’inizio aveva previsto l’avvento di suo figlio, Gesù Cristo.

Che Cristo sia il capo è confermato da Efesini 1,20-23:

Questa potente efficacia della sua forza egli l’ha mostrata in Cristo, quando lo risuscitò dai morti e lo fece sedere alla propria destra nel cielo, al di sopra di ogni principato, autorità, potenza, signoria e di ogni altro nome che si nomina non solo in questo mondo, ma anche in quello futuro. Ogni cosa egli ha posta sotto i suoi piedi e lo ha dato per capo – κεφαλὴ (in Ebraico appunto  ראש) – supremo alla chiesa, che è il corpo di lui, il compimento di colui che porta a compimento ogni cosa in tutti.

Cristo, perciò, è il capo, il principio e anche il compimento, il fine, la fine (Apocalisse 21,6;22,13). In mezzo, tra il “capo/principio” e la fine/compimento c’è l’intera TANAK che parla di Cristo, ma occorre leggerla non in chiave storico-critica, bensì in chiave spirituale e mistica.

Photo by Daniil Silantev on Unsplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Le espressioni ebraiche utilizzate per descrivere la colonna di nube e di fuoco sono "עַמּוּד הֶעָנָן" ('ammud he-'anan) e "עַמּוּד הָאֵשׁ" ('ammud ha'esh). "עַמּוּד" ('ammud) significa "colonna" o "pilastro", indicando una forma verticale solida e imponente....

I giganti che abitavano nell’antica Canaan

I giganti che abitavano nell’antica Canaan

Il capitolo tredicesimo del libro dei Numeri narra che, su comando divino, Mosè invia dodici esploratori, uno per ciascuna tribù di Israele, per osservare la terra di Canaan. Dopo quaranta giorni, gli esploratori ritornano con report di una terra fertile ma abitata da...

L’esempio di Rahab (רָחָב) la prostituta di Gerico

L’esempio di Rahab (רָחָב) la prostituta di Gerico

Il nome "Rahab" (רָחָב in ebraico) è ricco di significato. Etimologicamente, Rahab può essere associato alla radice רחב (rhb), che significa "essere ampio" o "allargare". Questo può essere interpretato in vari modi, tra cui l'idea di "spaziosità" o di "espansione"....

אוֹת (‘ot) segni e simboli dell’alleanza divina

אוֹת (‘ot) segni e simboli dell’alleanza divina

אוֹת, traslitterato come 'ot, si collega etimologicamente all'idea di un segno o simbolo. Questo termine può indicare segni tangibili, eventi prodigiosi, simboli di alleanze, o persino lettere dell'alfabeto, a seconda del contesto biblico in cui appare. אוֹת nei testi...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

La Torah come parola di Dio

Durante il Medioevo, la Torah era considerata invariabilmente la parola divina, immutabile e perfetta. Gli studiosi ebrei medievali, come Rashi (Rabbi Shlomo Yitzchaki, 1040-1105) e Maimonide (Rabbi Moshe ben Maimon, 1138-1204), hanno offerto interpretazioni...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

15 + 6 =

error: Il contenuto è protetto