Un poema su Abele

    Con grande piacere offro a voi, a partire da oggi, alcuni stralci poetici del bellissimo libretto di Luciana Argentino, dal titolo: Abele, Edizioni Progetto Cultura 2015. E’ un dialogo immaginario tra Eva e il figlio Abele.

    Interessante e intrigante questo viaggio della memoria di Eva, compiuto alla presenza dell’amato figlio Abele. Nella terra “dove crescono rovi e pruni”, fuori dall’Eden, Eva ricorda ancora i giorni felici trascorsi in comunione con Dio e nell’armonia piena con se stessi …

    “Parlami madre, raccontami ancora
    del tempo nel giardino che quando lo fai
    nei tuoi occhi balzano gazzelle,
    si alzano in volo farfalle, ruggiscono leni;
    le tue parole cantano, mi scorrono sotto pelle
    ed è sangue di luce, è nostalgia feroce
    che plachi col tuo fiato profumato di lardo e di cipro;
    nella tua bocca è frusciare di arbusti,
    frullo d’ali, è il passo del Dio quando viveva qui.”

     

    I commenti sono chiusi.