Scienza o scentismo?

    A chi appartiene la vera scienza?

    Che differenza c’è tra la vera scienza e lo scientismo? La “scientia” viene dal latino “scire” ed indica un processo che implica delle sperimentazioni e una verifica che rende l’esperimento ripetibile sempre e dovunque.

    Da Cartesio in poi, la “scientia” diventa soggetta anche al consenso di un consesso di quelli che per la prima volta sono veri e propri scienziati, ossia uomini di scienza che parlano in termini “scientifici”.

    Proprio questo è diventato, nel tempo, il problema. Il fatto di parlare in “termini scientifici” ha sottratto alla gente la possibilità di verificare se la teoria di questo o quello scienziato – appartenente a questo o quel settore del sapere – sia giusta o non giusta.

    Oggi, per noi, è pacifico accettare che solo “gli esperti” siano deputati a decidere su un certo settore.

    Ciò può essere corretto, o quanto meno giustificabile, in settori che riguardano solo una fetta più o meno ampia di gente.

    Non possono, invece, in alcun modo riguardare settori come la medicina oppure anche la fisica.

    In questi settori di vitale importanza, il sentire comune è stato totalmente sacrificato all’opinione di pochi, alla comunità scientifica internazionale, la sola deputata a validare l’opinione di uno studioso o scienziato.

    Nei popoli dell’antichità, ed anche nella Bibbia, il sentire comune era determinante e veicolava una tradizione antichissima assolutamente non soggetta a vincoli scientifici, ma non per questo meno vera.

    Come fare oggi per tornare alla scienza e non essere vittime dello scientismo? Occorre fidarsi della propria “intuizione“, perché l’intelligenza è “guardare e capire dentro”.

    Questo manca a molti di noi. La percezione personale – guidata da una coscienza più o meno allineata – è di fondamentale importanza. È determinante e nessuno ce la può togliere.

    Viene prima della determinazione dogmatica di uno specialista del settore? Sì. Proprio perché ne sta alla base e caratterizza tutto il processo “scientifico” che poi segue.

    I commenti sono chiusi.