• en_US

Dalla superficie alle profondità della Bibbia

Il libro di Tobia, un esempio di lettura profonda e simbolica della Bibbia

In generale, più un libro della Bibbia non tratta di storia, più in esso troveremo agganci profondi e fecondi con la nostra situazione di vita.

Un caso eclatante è rappresentato dai tre  libretti chiamati: Tobia, Giuditta ed Ester.

Anche ci sono alcune allusioni ad un certo periodo della storia d’Israele, esse certamente non identificano il periodo in cui i libretti furono scritti.

Periodo storico

Per esempio, la storia narrata nel libro di Tobia si svolge nel periodo in cui gli Israeliti erano esiliati in Assiria, dopo la distruzione di Samaria – capitale del Regno del Nord – nel 722 a.C.

Per i giudei del II secolo a.C. – questo è il periodo in cui il libro di Tobia fu scritto – l’esilio in Assiria o quello in Babilonia, oppure anche la schiavitù in Egitto

e l’esodo erano considerati periodi paradigmatici della storia d’Israele e, per questo motivo, vi si richiamavano spesso per narrare storie come quella di Tobia.

L’ambiente in cui viveva l’autore

Ai tempi in cui visse l’autore del libro di Tobia, la vita di un giudeo osservante era messa a dura prova a causa della dominante cultura greco-ellenistica.

Lo scontro fra due mentalità completamente diverse tra loro, raggiungerà il suo apice con l’avvento del re seleucide Antioco IV Epifane (cfr. 1 e 2 libro dei Maccabei). 

Che fare quando l’ambiente sociale e culturale è avverso ai principi religiosi in cui ci riconosciamo?  Un primo atteggiamento è quello di isolarsi dal mondo in un atteggiamento di ostilità e di arroganza.

La cultura contemporanea come sfida

È l’atteggiamento di Tobi, il padre di Tobia (leggi Tb 1-2). Il secondo atteggiamento è quello di abbandonare fede e tradizioni dei padri per abbracciare usi e costumi del mondo circostante.

È l’atteggiamento di tanti giudei che, al tempo del re Antioco IV Epifane, adottarono in tutto e per tutto la religione ellenistica. C’è però anche un terzo atteggiamento.

Quello di chi coglie l’occasione per approfondire la propria esperienza religiosa, attingendo a risorse umane fino ad allora sconosciute. È il percorso esistenziale di Tobi, Tobia e Sara, così come viene descritto nel libro di Tobia.

C’è religiosità e religiosità

Tobi (cfr. Tb 1-2) e Sara (cfr. Tb 3,7 ss.) esemplificano due tipi di religiosità che portano alla distruzione psichica e alla morte.

Tobia erige l’osservanza scrupolosa della Legge sopra tutto e tutti, giungendo perfino a disprezzare la moglie (cfr. Tb 2,11 ss.).

La cifra di questa arrogante chiusura al mondo di “peccatori e apostati” è il suo morboso interesse alla sepoltura dei morti e soprattutto la sua “cecità” che gli chiude gli occhi di fronte ad un mondo che non vuol più vedere. 

Una religiosità, quella di Tobi, senza gioia e senza slancio, frutto solo di un volontarismo che non attinge alle energie profonde di se stessi.

Sara è invece morbosamente legata al padre, tanto da temere qualsiasi unione con un uomo che non sia lui (cfr. 3,7 ss.).

La sua castità è frutto non di una scelta, ma di una necessità: non staccarsi dal padre. Il demonio Asmodeo – il “distruttore” – è la cifra della sua disperazione distruttrice che porta al pensiero del suicidio.

Tobia, il ponte tra Tobi e Sara

Tobia è il ponte tra i due personaggi. Il suo percorso interiore – compiuto insieme a grazie ad Azaria “Dio aiuta”/Raffaele “Dio guarisce” (cfr. Tb 5; 12) – permetterà di risolvere sia il problema di Sara che quello di Tobi.

Tobia è per Sara la dolce transizione dall’amore paterno a quello virile di un marito.

L’esperienza del pesce (cfr. Tb 6) gli insegnerà a non dare sfogo – subito – alle sue pulsioni sessuali, ma a sublimarle per trovare così un punto di unione con Sara, così impaurita di fronte al mondo maschile.

Tobia è per il vecchio Tobi il portatore di “nuova luce” per i suoi occhi (cfr. Tb 11), di “nuova gioia” per la sua vita e per la sua esperienza religiosa.

Significativo il fatto che, una volta guarito (interiormente), Tobi non svolga più l’attività di “seppellitore ufficiale di morti” (cfr. Tb 14).

Si diceva all’inizio, che libri come quello di Tobia non appartengono in alcun modo al genere storico.

Motivi letterari comuni

Essi si avvicinano piuttosto al genere della fiaba. Notevoli sono infatti le analogie con i motivi tipici della letteratura fiabesca, ricorrenti per esempio nelle favole dei fratelli Grimm. 

A tal riguardo, si legga per esempio la fiaba l’acqua della vita oppure l’uccello dalle piume d’oro. Il motivo di un re malato che invia il servo o il figlio per trovare un rimedio alla sua malattia è ben presente nelle fiabe.

Nel corso del viaggio, poi, il figlio o il servo incontra spesso una ragazza (una principessa) che poi sposerà. Sia il figlio o il servo che la principessa si congiungono così con l’anima e l’animus.

Essi, cioè, integrano nella loro personalità aspetti mancanti e latenti nel loro profondo. In genere, infatti, sia il personaggio maschile che quello femminile rappresentano l’animal’animus.

Così è sia per Tobi, che per Tobia e Sara. A tutti e tre manca un aspetto della loro personalità che li completi e li integri come esseri umani compiuti e felici.

Ricevi le news sui miei libri e servizi professionali!

Compila il modulo sottostante

I agree to have my personal information transfered to AWeber ( more information )

La tua mail non sarà resa in alcuni modo pubblica. Puoi cancellare la tua iscrizione in ogni momento.

I commenti sono chiusi.