«Il cancro è la prova che Dio non esiste» … diceva Veronesi

     “Come puoi credere nella Provvidenza o nell’amore divino quando vedi un bambino invaso da cellule maligne che lo consumano giorno dopo giorno davanti ai tuoi occhi? Ci sono parole in qualche libro sacro del mondo, ci sono verità rivelate, che possano lenire il dolore dei suoi genitori? Io credo di no, e preferisco il silenzio, o il sussurro del non so” (clicca qui per l’articolo completo).

    Così si esprimeva il grande luminare in suo libro uscito nel 2014, Il mestiere di uomo. Umberto Veronesi, lo ricordiamo, è morto quasi due anni fa. Come dice l’adagio latino De mortuis nil nisi bonum dicendum est, ossia dei morti non si parli che in bene, anche io, in genere, preferisco astenermi da criticare o peggio ancora parlar male di una persona che non è più tra noi. Questo vale per Veronesi come per il più comune uomo della strada.

    Tuttavia, la frase citata, fa riflettere, molto. Soprattutto perché essa è stata detta da una persona che per molti era un vero e proprio punto di riferimento, un faro nei momenti angosciosi della scoperta di un tumore. Dette da lui, quelle parole, suonano come un vero e proprio oracolo che hanno fatto dire a molti: vedi lo ha detto anche lui, perciò. Non mi riferisco tanto alla seconda parte di quella che definirei una sentenza, ossia dove si dice che non esistono verità rivelate in grado di consolare un genitore che ha perduto un figlio a causa di un tumore. Qui parla il Veronesi non credente, per il quale il Vangelo – qualora si riferisca ad esso – è un semplice libro, come tanti altri. 

    La prima parte è invece sconvolgente, almeno ho scoperto che frasi come quella sono sconvolgenti: Come puoi credere nella Provvidenza o nell’amore divino quando vedi un bambino invaso da cellule maligne che lo consumano giorno dopo giorno davanti ai tuoi occhi? 

    Frasi come questa sono una vera e propria impostura, perpetrata da chi non riesce a capire il motivo per cui accade qualcosa di così terribile come il tumore. Non si capisce perché una sofferenza così terribile possa colpire esseri inermi come i bambini, ma anche qualsiasi altra persona, direi. Non si capisce perché Dio, quell’essere buono e pieno d’amore di cui i preti ci parlano, non intervenga a lenire, se non proprio a guarire, le persone torturate dal cancro.

    Prima di smascherare questa impostura, almeno per chi vuole ragionare un po’, vorrei offrire un dato alla vostra attenzione. Perché a differenza della grande evoluzione tecnologica di questi ultimi cento anni, in qualsiasi settore della nostra vita, non è corrisposto alcun avanzamento nella ricerca sull’origine del cancro? Pensiamo alla telefonia, agli aerei, alle automobili, ai computer etc. Perché, invece, non sono stati fatti quei progressi che all’inizio della ricerca sul cancro si speravano? (vedi questo docufilm). A questa mia obiezione si può rispondere solo parlando dei grandi progressi nel settore della prevenzione e della cura – ossia chirurgia e chemioterapia – dei tumori, ma non della causa che provoca i tumori. Scoprire la causa di qualcosa, significa capre quella cosa e trattarla in modo conveniente. Ma ancora ciò non è avvenuto. Nel 2014, 1.300.000 persone sono morte di cancro, per meglio dire di cancro diagnosticato ed è ben altra cosa!

    Ora, nella storia della filosofia antica e moderna, quando non si riesce a capire l’origine di qualcosa ci sono due possibilità: o si ammette di non aver capito nulla, oppure si tira in ballo Dio. Lo si può fare anche nel modo più ignobile, dicendo che se c’è stato Auschwitz e se i bambini muoiono per tumore ergo Dio non esiste. Ma non è solo Veronesi. Molti di noi, anche credenti e perfino praticanti, quando si ammalano di cancro sentono salire dentro di sé questo inquietante assillo: perché proprio a me? Ma se Dio c’è … ?

    Non potrebbe essere che noi, piccoli e fragili esseri umani, non abbiamo ancora capito nulla non solo delle leggi che regolano l’universo, ma anche di quelle che regolano l’organismo umano e il suo funzionamento? Forse a qualcuno non viene in mente che nella Bibbia, oltre che a versetti dove Dio è dipinto come un guerriero spietato, si dice anche: Egli infatti ha creato tutto per l’esistenza; le creature del mondo sono sane, in esse non c’è veleno di morte, né gli inferi regnano sulla terra (Sap 1,14). Non è sempre una verità rivelata? E se tale, non si dice forse che nelle creature umane non scorre alcun veleno di morte? Forse, quello che noi chiamiamo veleno di morte, ossia il tumore primario e tutte le cellule impazzite che esso invia nell’organismo, potrebbe essere qualcosa di previsto da madre natura per far fronte a certe sfide, per fra fronte a certi traumi. Non potrebbe essere che il veleno di morte – creato dall’uomo e non da Dio – sia piuttosto la terapia dei tumori? 

    Sono semplici domande, ma importanti, direi. Perché se, non so fra quanti anni, si scoprirà che quello che chiamavamo tumore, in realtà era un processo  biologico per superare una certa situazione traumatica e di cui occorre capire il senso, solo allora capiremmo che abbiamo imputato a Dio degli errori che erano tutti nostri. Ma ci vuole tanta umiltà e l’umiltà viene dalla sofferenza di chi non giudica, ma condivide ed osserva. Ecco perché vi chiedo di seguire la mia rubrica sulla salute, nei prossimi mesi. Riflessioni, semplici riflessioni di uno che medico non è, ma che cerca solo di capire come stiano effettivamente le cose.

    I commenti sono chiusi.