E se la traduzione del primo versetto della Bibbia fosse sbagliata?

    Le traduzioni della Bibbia, dipendono dall’inserimento delle vocali

    Affronto oggi, insieme a voi, un argomento piuttosto delicato.

    Si tratta, infatti, del versetto più famoso della Bibbia, il primo:

    In principio Dio creò il cielo e la terra

    (Genesi 1,1)

    Tutto dipende dalle vocali

    Ora, il testo ebraico “originale” era costituito solo da consonanti. Le vocali – ossia i segnetti sotto le consonanti – furono inserite a partire dal VII sec. d.C., quasi mille anni dopo la stesura finale del Pentateuco.

    Tale inserimento impose una sola comprensione della parola formata solo da consonanti e perciò aperta a diverse interpretazioni.

    Per fare un esempio in Italiano, le consonanti F T T, possono leggersi in diversi modi, a seconda delle vocali inserite: FaTTo, FiTTo, FeTTa, etc.

    In Ebraico è un po’ la stessa cosa. Facciamo un esempio col nostro versetto. La traduzione classica di Genesi 1,1 – così come indicato sopra – si basa su questa vocalizzazione (le consonanti in grassetto):

    bereshit BaRa ‘elohim et hashamayim weet haarets

    Se, invece, inserissimo vocali diverse avremmo:

    bereshit BeRo elohim et hashamayim weet haarets

    Così cambia tutto

    Se al posto di BaRa leggiamo BeRo, dovremmo tradurre in questo modo:

    «All’inizio del creare Dio il cielo e la terra … »

    Così cambia veramente tutto, perché poi saremmo costretti a collegare il secondo versetto direttamente al primo:

    «All’inizio del creare Dio il cielo e la terra, la terra era deserta e vuota»

    Potremmo tradurre in modo più comprensibile:

    «Quando Dio creò (o anche “iniziò a creare”) il cielo e la terra, la terra era deserta e vuota … ».

    Il primo versetto, infatti, sembra staccato dal secondo, quasi che si trattasse di due creazioni diverse, o due fasi della creazione, come alcuni sostengono.

    Così, invece, la terra fa parte integrante della stessa ed unica creazione di Dio, la cui prima opera effettiva, ossia determinata da un comando esplicito di Dio, è la luce.

    Questa possibilità di comprensione viene dal grande studioso medievale della Bibbia, Rashi, nel suo commento alla Genesi.


    >>Se vuoi capire bene il significato del testo originale della Bibbia ebraica e acquisire uno strumento che ti permette di tradurre e comprendere questo ed altri fondamentali brani biblici, puoi iscriverti oggi stesso al mio Corso di Ebraico online. Chiedi oggi stesso ulteriori informazioni, scrivendo a: venturini@simoneventurini.it oppure chiamando al numero 3492311691<<.

    I commenti sono chiusi.