La Bibbia di un Dio genocida?

    La Bibbia e il suo linguaggio

    Leggendo testi come il cap 7 del Deuteronomio, la mente corre naturalmente a razzie etniche molto più recenti.

    La mente, almeno di noi italiani, corre subito a individui come Milošević. Israele viene invitato da DIO a separarsi totalmente dagli altri popoli, poiché esso appartiene ad una razza superiore e diversa.

    Genocidio: ieri e oggi

    Tutto ciò comporta militarmente l’ordine del genocidio. Anzitutto, va detto che si tratta di un testo ideologico che, come altre leggi dell’Antico Testamento, non è stata mai applicata.

    Tuttavia, purtroppo, ad esso si sono ispirati intere generazioni di cristiani che muovevano guerra contro gli eretici. 

    Qui, più che altrove, è molto importante considerare il contesto storico in cui inquadrare il brano.

    Contesto storico e letterario

    Occorre abbandonare definitivamente l’idea che esso rifletta la storia reale e che, effettivamente, gli Israeliti entrarono nella terra promessa compiendo tali orribili massacri.

    Esso riflette un’epoca, quella del V sec. a.C., in cui i giudei temevano di perdere la propria identità e di confondersi con le culture e il tipo di società che li circondava.

    Un periodo di forte crisi interna, in cui lo straniero era visto come un pericolo da allontanare e da eliminare. E se poi ciò non accadde, progetti ideologici in tal senso certamente non mancarono:

    l’idea che fin dall’inizio gli antichi ebrei guidati da Mosè avrebbero dovuto fare così.

    Alcuni dettagli sono la chiave

    Un’immagine che, appiccicata addosso al fondatore stesso della religione ebraica, ci ripugna e ci allontana dalla Bibbia e dal suo Dio, sanguinario e perfino genocida.

    L’aspetto ideologico di Dt 7 risulta già nell’elenco dei popoli da sconfiggere.

    Essi non indicano popoli precisi, ma erano semplicemente termini generici che gli assiri e i babilonesi usavano per indicare le popolazioni della Siria-Palestina.

    Ancor più rilevante il loro numero: sette. La totalità di coloro che potrebbero tentare Israele ad allontanarsi da YHWH per adorare altri popoli.

    L’esclusivismo tipico di Esdra

    Un linguaggio esclusivista che ricorda quello usato in Esdra, quando si proibiscono i matrimoni misti e qualsiasi contatto tra esiliati (che rientravano in patria) e non esiliati (ossia coloro che erano rimasti in Giudea) (cfr. Esdra 9).

    Ma questa immagine di Dio e del suo popolo – esclusivista, segregazionista e perfino genocidi – non è l’unica e neppure la più importante.

    Leggere TUTTA la Bibbia

    La storia del popolo ebraico, infatti, inizia con i patriarchi, che non andavano in guerra  (fatta eccezione per Genesi 14 che gli studiosi considerano all’unanimità posteriore) e che coabitavano pacificamente con gli altri popoli.

    L’episodio di Agar, la schiava di Abramo (cfr. Genesi 16) che viene espulsa, ma che vede ugualmente Dio e non muore ne è l’esempio più eclatante; lei che è considerata l’antenata delle tribù arabe!

    La storia di Abramo è da considerare dunque una reazione a un concetto di Dio troppo nazionalista. La Bibbia ha un insegnamento al plurale e non al singolare, tipico del fondamentalismo cattolico oggi più vivo che mai!

    Lascia un commento