• us

Cos’è la meditazione cristiana?

La meditazione è solo una moda del momento?

(A cura di Melania Stefani). Quando si parla di “meditazione”, normalmente si è portati a pensare alle varie pratiche di “Meditazione Orientale” che, ormai da diversi anni, sono entrate con un certo successo nella nostra cultura occidentale. 

L’influsso delle pratiche orientali

L’occidente, infatti, sta attingendo sempre più dall’oriente la conoscenza di certe tecniche, sia mentali che fisiche,

le quali si mostrano utili e spesso efficaci per curare o anche solo alleviare le tensioni e lo stress a cui l’uomo moderno è sempre più sottoposto. 

Questa situazione sta portando ad una realtà dove convivono varie espressioni di “credo”, religiosi o meno.

Buddismo e tanto altro

Il Buddismo, ad esempio, che è la filosofia più consona a certe tecniche meditative orientali, per alcuni è diventata la risposta alle inquietudini della propria anima;

c’è invece chi riesce a far convivere la tradizione cristiana con varie tecniche orientali;

alcuni pensano che ogni forma di religione sia solo fonte di conflitti e disagi per l’umanità intera e in definitiva l’uomo è da solo di fronte al nulla;

non manca poi il fatto che alcune tecniche di meditazione, unite ad un certo stile di vita, per alcuni rappresentino quasi una forma di “religione”,

soprattutto da quando la cultura “New Age” ha portato in auge una vasta gamma di “ricette curative”, proposte da varie terapie.

Il Cristianesimo come stile di vita

Alla base di tutto ciò, è innegabile che ci sia un intimo desiderio dell’uomo di dare nutrimento allo spirito così come si lo si dà al corpo, e se un approccio olistico per certi versi è giusto,

per altri c’è il rischio che l’uomo moderno si smarrisca all’interno di un grande supermercato, anche della spiritualità. In questo scenario, come si pone la religione cristiana?

Il valore del cristianesimo, visto nell’ottica di un vero e proprio modus vivendi, non sembra essere preso abbastanza in considerazione, anche dagli stessi cristiani. 

Spiritualità fai da te

L’abbondanza di offerta a cui si è accennato, non solo tende a disorientare, ma sminuisce anche l’importanza del rapporto uomo-Dio,

lasciando credere all’uomo che può trovare da sé tutte quelle risorse che gli consentono di vivere al meglio la sua vita terrena, a prescindere da Dio.

Si rischia quindi di non porre la giusta attenzione al fatto che il Battesimo è quel primo, determinante passo che, attraverso l’effusione dello Spirito,

rende l’uomo unito a Dio e tale dono divino accompagnerà il battezzato per tutta la vita.

Il benessere

Infatti, Dio Padre, il Creatore, non abbandona le Sue creature lasciandole vagare da sole in mezzo alle intemperie della vita, ma, a coloro che lo accolgono nel cuore, dona una vita spirituale ricca di “benessere”.

Certamente non si tratta del “benessere” consumistico a cui oggi siamo abituati.

Quello che Dio dona a ciascuno di noi consiste nella possibilità di vivere in intima comunione con Lui, e ciò si realizza per mezzo dell’affidamento totale a Lui.

La specificità della meditazione cristiana

Se l’uomo vive in funzione di questo dono divino, può superare le sue limitate possibilità umane e affrontare con speranza e fiducia anche le prove più dure della vita. 

La Meditazione Cristiana, quindi, a differenza di quelle orientali, che utilizzano delle tecniche dove l’uomo si trova da solo con se stesso e deve fare affidamento solo su stesso, rappresenta un momento di preziosa intimità con il Creatore.

Lo Spirito che Dio dona, può essere inteso anche come l’Amore che Lui ha per noi, e tale Amore si colloca al centro del nostro essere, nel nostro “cuore profondo”, come un fuoco.

Il fuoco dell’amore

Tale fuoco può essere più o meno acceso, dipende da quanto e da come il cristiano lo custodisce e lo alimenta, affinchè esso sprigioni calore e benessere.

Attraverso la “Meditazione Cristiana”, quindi, così come attraveso la preghiera o l’adorazione, è possibile creare dentro di noi quello stato di grazia dove è possibile l’incontro con Dio. 

Questo incontro, dove Dio e l’uomo si dedicano completamente l’uno all’altro, è maggiormente facilitato dall’ascolto profondo della Sua Parola la quale, meditata e lasciata penetrare nell’anima, permette concretamente a Dio di prendersi cura di noi.

 Come la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza aver annaffiato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, affinché dia seme al seminatore e pane da mangiare,

così è della mia parola, uscita dalla mia bocca: essa non torna a me a vuoto, senza aver compiuto ciò che io voglio e condotto a buon fine ciò per cui l’ho mandata 

Isaia 55,10-11

I commenti sono chiusi.