Corso sul Pentateuco – Esegesi di Genesi 1,1-2,4a – (Quarto giorno)

    Sofer,_Jewish_scribeDio disse: «Ci siano luci nel firmamento del cielo, per distinguere il giorno dalla notte; servano da segni per le stagioni, per i giorni e per gli anni e servano da luci nel firmamento del cielo per illuminare la terra».

    E così avvenne: Dio fece le due luci grandi, la luce maggiore per regolare il giorno e la luce minore per regolare la notte, e le stelle. Dio le pose nel firmamento del cielo per illuminare la terra e per regolare giorno e notte e per separare la luce dalle tenebre. E Dio vide che era cosa buona. E fu sera e fu mattina: quarto giorno. (Genesi 1,14-19)

    Il quarto giorno si trova al centro del settenario, una posizione centrale. L’importanza di ciò che viene creato in questo giorno è data anche dal fatto che esso è in profonda relazione sia con il primo che con il settimo giorno della creazione. Col primo, perché in esso fu creata la luce – in ebraico or – che non coincide esattamente con la luce emanata dagli astri. Le luci del firmamento sono intese, infatti, come semplici lampade – in ebraico ma’or – e non come l’origine della luce. Tra l’altro, si nota un certo tecnicismo nella descrizione del sole e della luna che non vengono nominati per nome. Si nominano solo le stelle – in ebraico kokavim. Diversamente da altre tradizioni religiose, come per esempio in Egitto, il sole e la luna non hanno qui attributi divini, ma sono semplici fonti di luce con funzioni specifiche.

    Il sole e la luna – le grandi luci – servivano anzitutto per separare il giorno dalla notte. Per l’ultima volta ricorre il verbo separare – in ebraico badal all’hiphil – così ricorrente nei primi quattro giorni della creazione. Ma c’è anche un altro verbo importante: regolare, in ebraico mashal. Questo verbo dovrebbe più opportunamente essere tradotto con governarestabilire. Infatti, il sole e la luna sono i punti di riferimento fondamentali per il calendario delle feste. Nella Bibbia di Gerusalemme troviamo il termine stagioni che però non rappresenta la traduzione esatta del termine ebraico moed che più opportunamente, in tale contesto, dovrebbe essere reso invece con feste, in linea con l’interesse prettamente cultuale dell’autore sacerdotale responsabile della redazione del brano (cfr. anche Numeri 10,10; Isaia 33,20). Del resto il senso profondo (e forse più antico) delle feste ebraiche è profondamente legato alla successione delle stagioni. La funzione del sole e della luna è perciò quella di essere segni – in ebraico ‘ot – per la scansione del tempo sacro e non solo di quello profano

    Perché però questo versetto occupa la posizione centrale nel settenario? Abbiamo già detto che agli occhi dell’autore sacerdotale il culto presso il Tempio di Gerusalemme ricostruito era di somma importanza. Ma perché proprio il quarto giorno? Alcuni pensano che alla base di questo computo vi sia il cosiddetto calendario dei sabati, conosciuto dall’autore dei Libro dei Giubilei, un testo chiave della tradizione enochica, la cui opera centrale è il famoso Libro di Enoch. Ebbene, questo calendario di 364 giorni era composto tra quattro trimestri di 30 giorni ciascuno con l’aggiunta di un giorno intercalare. Questa particolarità, faceva sì che in ogni mese vi fossero esattamente tredici settimane (ossia 91 giorni = 30×3+1).  Questa organizzazione del calendario permetteva che il e il 15 giorno di ogni primo mese del trimestre cadesse esattamente il quarto giorno della settimana. Ed era proprio in questo quarto giorno che cadevano le feste più importanti del calendario ebraico, ossia Capodanno, Pasqua Festa delle Capanne, senza che tali ricorrenze cadessero mai di sabato. 

    Si pensa anche che in seguito all’abbandono di questo calendario, per uniformarsi al calendario lunare ufficiale in uso presso i contesti culturali ellenistici, alcuni ebrei si allontanarono da Gerusalemme per stabilirsi a Qumran.Qui gli esseri avrebbero poi mantenuto in vigore il calendario di 364 giorni. 

    I commenti sono chiusi.