• us

Che tipo di persona sei?

I vangeli parlano di diversi tipi di terreno, ossia di persona. Ne parlo nel mio libro

Nella parabola del buon seminatore (Matteo 13,18-30), Gesù parla della tipologia, diciamo così, di persona che ciascun essere umano è.

L’uomo viene dalla terra

Perché Gesù paragona l’uomo alla terra? Perché, secondo la Bibbia, l’uomo viene dalla terra. Nel racconto della creazione, l’uomo è chiamato ‘adam perché viene da ‘adamah. (Genesi 2,7), ossia terra

Il capitolo secondo della Genesi è stato scritto da gente che lavorava la terra e che era avvezza con il linguaggio agricolo. Gente che conosceva i ritmi vegetativi della terra, i tempi della seminatura e del raccolto.

Gesù apparteneva a gente semplice

Gesù apparteneva ad un contesto sociale semplice, di pescatori che lavoravano nel Lago di Tiberiade e di agricoltori. Questi ultimi vivevano dei prodotti della terra e ben sapevano che i terreni potevano produrre frutti solo se esistevano condizioni favorevoli.

Gesù paragona così l’essere umano ai vari tipi di suolo e a cosa può crescervi intorno. L’uomo può essere come una strada, ossia un sentiero di terra battuta dove il seme gettato non poteva dare frutto, perché gli uccelli lo beccavano subito.

La parabola del seminatore

L’uomo può essere anche come un terreno sassoso dove il seme gettato germoglia subito, ma produce ben poco perché le radici non possono affondare nel terreno sottostante i sassi.

Gesù parla anche di un terreno buono, dove il seme germoglia, cresce e si sviluppa, ma insieme a rovi che poi nel tempo soffocano la pianta e questa muore.

Infine, egli parla anche di terra buona baciata dal sole e bagnata dalla pioggia che dà frutto, più meno abbondante.

Nel mio libro parlo dei vari tipi di uomo

A questi quattro tipi di terreno corrispondono quattro tipi di persone, più o meno disponibili a farsi scavare dentro dalla vita. Nella parte centrale del mio nuovo libro parlo delle diverse tipologie di persone simboleggiate da Gesù attraverso i tipi di terreno.

Nel libro poi parlo poi di come chi diventa terra buona – perché nessun uomo nasce perfetto – può affrontare un viaggio dentro se stessi per giungere al cuore, dove si può scoprire la casa del padre. 

Lascia un commento