Il compagno e la sua compagna (Genesi cap. 2, vers. 23)

    Allora l’uomo disse: «Questa volta essa è carne dalla mia carne e osso dalle mie ossa. La si chiamerà donna perché dall’uomo è stata tolta». Pare propri un’esclamazione quella di Adamo: «Ah Finalmente … !» Finalmente Adamo ha trovato un essere, diverso dagli animali, con il quale sia possibile condividere ciò…

    Continua

    Fratelli che non si custodiscono più (Genesi cap. 4, vers. 9)

    Allora il Signore disse a Caino: «Dov’è Abele, tuo fratello?». Egli rispose: «Non lo so. Sono io il custode di mio fratello?». Dio pone di nuovo una domanda all’essere umano generato da Adamo. Anche a lui Dio pose una domanda: dove sei? Egli rispose (cfr. cap. 3) che si era nascosto, perché aveva…

    Continua

    La costola del primo uomo (Genesi cap. 2, vers. 21)

    Allora il Signore Dio fece scendere un torpore sull’uomo, che si addormentò; gli tolse una delle costole e rinchiuse la carne al suo posto. Prima di proseguire, credo sia utile riprendere una questione assai importante. Quando parliamo dei primi tre capitoli della Genesi, siamo abituati a pensare ad Adamo ed Eva…

    Continua

    L’uomo e gli animali: quale rapporto? (Genesi cap. 2, vers. 19)

     Allora il Signore Dio plasmò dal suolo ogni sorta di bestie selvatiche e tutti gli uccelli del cielo e li condusse all’uomo, per vedere come li avrebbe chiamati: in qualunque modo l’uomo avesse chiamato ognuno degli esseri viventi, quello doveva essere il suo nome. Interessante questo Dio che conduce gli…

    Continua

    Non è bene che l’uomo sia “isolato” (Genesi cap. 2, vers. 18)

    Poi il Signore Dio disse: «Non è bene che l’uomo sia solo: gli voglio fare un aiuto che gli sia simile». Eccoci giunti al momento più solenne del secondo racconto della creazione. Ecco cosa dice Dio tra sé e sé. Potremmo dire anche che questo versetto contiene il pensiero di…

    Continua

    Coltivare e custodire: il segreto per ben lavorare (Genesi cap. 2, vers. 15)

    Il Signore Dio prese l’uomo e lo pose nel giardino di Eden, perché lo coltivasse e lo custodisse. Questo era il compito di Adam, l’essere creato da Dio a sua immagine e somiglianza (Gen 1,26-28); l’essere che respirava la stessa “aria” di Dio (Gen 2,7). Qui Adam non rappresenta un…

    Continua

    Il fiume dell’Eden (Genesi cap. 2, vers. 10)

    Un fiume usciva da Eden per irrigare il giardino, poi di lì si divideva e formava quattro corsi. Si fa spesso confusione tra “giardino” e “Eden”, come fossero la stessa cosa. L’Eden, invece, così come viene presentato nella Genesi, era una regione fertilissima all’interno della quale sorgeva il “giardino” di…

    Continua

    L’albero della conoscenza del bene e del male (Genesi cap. 2, vers. 9)

    Il Signore Dio fece germogliare dal suolo ogni sorta di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare, tra cui l’albero della vita in mezzo al giardino e l’albero della conoscenza del bene e del male. Un giardino molto particolare quello dell’Eden. Oltre ai normali alberi da frutto, vi crescevano…

    Continua