• us

L’arroganza di chi usa Dio (Genesi cap. 4, vers. 24)

«Sette volte sarà vendicato Caino ma Lamech settantasette.» Così termina il terribile canto di Lamech ed è proprio alla fine che esso diventa la metafora piena di una cultura e di una società prossime al tramonto e alla distruzione. Qui Lamech riprende il tema della protezione divina concessa a Caino,…

Continua

È proprio vero che la violenza non paga? (Genesi cap. 4, vers. 22)

Zilla a sua volta partorì Tubalkàin, il fabbro, padre di quanti lavorano il rame e il ferro. La sorella di Tubalkàin fu Naama Gran parte delle ricostruzioni della storia antica, i progressi umani nella civilizzazione procedettero attraverso quattro periodi: l’età della pietra (100.000-4000 a.C.), l’età del rame (4000-3200 a.C.), l’età del bronzo (3200-1200 a.C.), l’età del ferro (1200 –…

Continua

Chiaroscuri di un’umanità che corre verso il diluvio (Genesi cap. 4, vers. 19)

Lamech si prese due mogli: una chiamata Ada e l’altra chiamata Zilla. E’ evidente che all’autore non interessa cosa fece Enoch, l’unico giusto in un’era di generale corruzione dei costumi (cfr. Gen 5, 22). Si dice solo che Caino generò Enoch e che costruì una città che portava il suo…

Continua