Il simbolo del pesce

Scritto da Simone Venturini

18 Aprile 2018

(Articolo di Simona Lommi) …Visitando le catacombe, si viene a contatto con suggestive tracce del Cristianesimo dei primi secoli e si può, per così dire, toccare con mano la fede che animava quelle antiche comunità cristiane. Percorrendo le gallerie, si scorgono non pochi segni dell’iconografia della fede: il pesce, simbolo del Cristo; l’ancora, immagine della speranza; la colomba, rappresentazione dell’anima credente e, accanto ai nomi, sui sepolcri, frequentissimo l’augurio “In Cristo”. (Giovanni Paolo II).

Il buio delle catacombe ci offre una testimonianza di valore inestimabile di cui non si può non tener conto se si vuole comprendere la vita, la storia, le usanze dei primi cristiani e il loro sistema comunicativo. Proprio per questo l’archeologia funeraria si lega strettamente all’indagine sul simbolismo cristiano, voce nascosta di un profondo sistema di condivisione che nasconde a chi non sa leggerlo e rivela a chi ne è parte integrante. 

Le lapidi, che accoglievano le spoglie dei defunti cristiani, presentano ancora oggi varie incisioni simboliche che avevano lo scopo di esprimere aspetti della fede del defunto e che continuano a suscitare in noi riflessioni secondo vari piani di studio. A partire dal II secolo uno tra i simboli più diffusi e famosi nei primi luoghi di culto cristiani è il pesce.

Affresco con il simbolo del pesce e una cesta di pane che simboleggia l’eucaristia

Nelle Catacombe romane di San Sebastiano, San Callisto, Domitilla, nelle catacombe napoletane e addirittura nella lontana Efeso, il simbolo del pesce è sempre presente, iconograficamente stilizzato o particolareggiato, inscritto su lapide, dipinto su affresco o – a seguiti dell’Editto Costantiniano, nelle prime basiliche in tessere di mosaico. 

Conosciuto anche con l’acronimo greco ichthys (=pesce), il simbolo veniva spesso rappresentato in forma stilizzata attraverso due archi che si intersecano prolungandosi oltre il loro punto di incontro.

La storia di questo simbolo è antichissima e risale all’epoca in cui i cristiani erano oggetto di persecuzione. Si sentì, in quel difficile e delicato momento, il bisogno di creare segni di identificazione che indicassero la loro appartenenza alla comunità senza destare sospetto. Quando un cristiano incontrava una persona sconosciuta, per sapere se potesse fidarsi di essa, tracciava a terra uno dei due archi che compongono il simbolo dell’ichthys. Se l’altro completava il segno, i due si riconoscevano come cristiani sapendo di potersi scambiare fiducia.

In realtà l’aspetto ancora più segreto di questo simbolo è svelato da Sant’Agostino nel De civitate Dei (XVIII,23):

Se unisci le prime lettere delle cinque parole greche […], e significano Gesù Cristo Figlio di Dio Salvatore, si avrà Ἰχθύς, cioè pesce, termine con cui simbolicamente si raffigura il Cristo perché ebbe il potere di rimanere vivo, cioè senza peccato, nell’abisso della nostra mortalità, simile al profondo delle acque.

La frase Gesù Cristo Figlio di Dio Salvatore apre un ulteriore scenario di indagine. Fu pronunciata da Pietro prima di essere nominato primo Papa della Chiesa (Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente»Mt 16, 13-18).

Il legame tra la figura di Pietro e il simbolo del pesce non si esaurisce alla frase pronunciata. Nelle Scritture troviamo diversi riferimenti al simbolo del pesce attorno al quale la figura di Pietro sembra ruotare continuamente. I Vangeli, nell’episodio della pesca miracolosa e successiva chiamata dei primi quattro discepoli, lo presentano come pescatore. Gesù stesso gli disse Ti farò pescatore di uomini (Luca 5,10).

Raccontano ancora i Vangeli che Pietro assistette, insieme ai discepoli, al fenomeno della moltiplicazione dei pani e pesci e dopo l’Ultima Cena venne nominato da Cristo capo dei 12 apostoli e iniziatore di quella che sarebbe divenuta la Chiesa cristiana. Inoltre, in alcune rappresentazioni dell’Ultima Cena, (come nell’affresco interno alle Catacombe di San Callisto) il pane viene sostituito proprio con il pesce. 

Questo simbolo dunque, sembra portarsi sulle spalle un carico di significati non indifferente. Dapprima simbolo di riconoscimento, poi cristologico, e ancora simbolo ricorrente nelle Scritture. Una chiave di lettura – che credo potrebbe fornire spunti di riflessione interessanti – è la figura di Pietro, anello di congiunzione tra Cristo e i credenti.

Ti farò pescatore di uomini sembra dire Aprirai le tue reti ai fedeli (definiti infatti dai primi padri della Chiesa pisciculi = pesciolini). Inoltre, un ulteriore parallelismo tra il pesce/animale che vive sott’acqua e i defunti sepolti sotto terra nelle catacombe potrebbe fornire ancora un nuovo oggetto di riflessione riguardo questo simbolo enigmatico, che dopo secoli continua ancora a suggerirci vie d’interpretazione che non sembrano esaurirsi al mero tratto iconografico.

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Cos’è l’oceano celeste?

Cos’è l’oceano celeste?

La cosmografia della Bibbia https://youtu.be/vBvUnU9lbnM Il verbo “separare” è il secondo termine che descrive l’opera creatrice di Dio nella Bibbia. Essa infatti non consiste solo nel “creare”, ma anche nel “separare” – in ebraico badal – gli elementi creati. Dio...

Imparare l’Ebraico oggi si può!

Imparare l’Ebraico oggi si può!

Un corso unico in Italia, studiato sulla base delle tue esigenze. https://youtu.be/PBzcVLT79MI Ho detto più volte che il Corso di Ebraico che numerose persone stanno seguendo è davvero unico in Italia, per vari motivi. Un corso di Ebraico unico in Italia Anzitutto,...

Perché il firmamento è azzurro?

Perché il firmamento è azzurro?

La Bibbia - Genesi cap. 1, vers. 6 https://youtu.be/PFg7rz7-wO0 Gli antichi autori della Bibbia pensavano che l'azzurro del cielo dipendesse dalle acque che vi si trovavano sopra ... bello no! In effetti, le antiche cosmografie, immaginavano il firmamento come una...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Bibbia e intelligenza artificiale

Un esperimento interessante per far comprendere la Bibbia agli uomini di oggi La Bibbia, almeno nelle statistiche, è il libro più letto e venduto al mondo. Questo lo sanno tutti. Il testo sacro è stato tradotto in tutte le lingue, dialetti africani ed anche italiani....

COME POSSO AIUTARTI?

3 + 10 =