Il significato della parola מִדְבָּר “deserto” nella Bibbia ebraica

8 Dicembre 2023

La radice triconsonantica di מִדְבָּר è ד-ב-ר (dalet-bet-reish), la stessa radice della parola “dibber” che significa “parlare”. Questa connessione non è casuale, poiché il deserto è spesso il luogo in cui si svolgono dialoghi profondi tra l’individuo e Dio nella tradizione ebraica.

La stessa Bibbia ebraica offre una ricca varietà di contesti in cui appare la parola מִדְבָּר, ognuno contribuendo a una comprensione più approfondita di questo concetto.

Significato fisico e spirituale nel contesto biblico

Nella Bibbia ebraica, il מִדְבָּר fisico è spesso un luogo arido e desolato, come il deserto del Sinai attraversato dagli Israeliti durante l’Esodo. Tuttavia, questa desolazione è spesso il palcoscenico di eventi cruciali e rivelazioni divine. Il deserto diventa un simbolo della transizione, della prova e della purificazione.

Un esempio di ciò si trova nel racconto biblico dell’Esodo, quando gli Israeliti, guidati da Mose, attraversarono il deserto per raggiungere la Terra Promessa. Durante questo periodo di peregrinazione nel מִדְבָּר, gli Israeliti sperimentarono una connessione più profonda con il loro Dio, ricevendo insegnamenti e istruzioni cruciali.

מִדְבָּר come luogo di rifugio

Il מִדְבָּר non è solo un luogo di prove, ma anche un rifugio. Nella tradizione ebraica, il deserto è visto come un luogo in cui il divino può essere più facilmente percepito. Profeti come Elia cercarono il מִדְבָּר come rifugio spirituale, dove potevano ascoltare la voce di Dio in un silenzio che mancava nelle tumultuose città.

La stessa parola מִדְבָּר appare spesso associata a Dio che parla o si manifesta, come nella famosa frase “Dio parlò nel מִדְבָּר” (Osea 2,16). Questa associazione con la parola e la rivelazione divina aggiunge uno strato di significato alla concezione del מִדְבָּר come luogo di incontro tra l’umano e il divino.

Il deserto come spazio di rinascita

Il מִדְבָּר è anche un luogo di rinascita e rinnovamento spirituale. Nel libro di Isaia, la desolazione del deserto è descritta come il luogo in cui “sboccerà il deserto” e “fiorirà abbondantemente” (Isaia 35,1). Questa immagine del deserto che fiorisce simboleggia la possibilità di rinascita e crescita anche nei momenti più aridi della vita.

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

La Torah come parola di Dio

La Torah come parola di Dio

Durante il Medioevo, la Torah era considerata invariabilmente la parola divina, immutabile e perfetta. Gli studiosi ebrei medievali, come Rashi (Rabbi Shlomo Yitzchaki, 1040-1105) e Maimonide (Rabbi Moshe ben Maimon, 1138-1204), hanno offerto interpretazioni...

Cos’è il “timore di Dio” (יִרְאַת יְהוָה)?

Cos’è il “timore di Dio” (יִרְאַת יְהוָה)?

La radice ebraica da cui deriva יִרְאָה è י-ר-א (Y-R-'), che implica una percezione profonda o una visione acuta. Nel contesto biblico, il termine può essere interpretato in vari modi, inclusi "timore", "rispetto", e "riverenza". Questa gamma di significati suggerisce...

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Le espressioni ebraiche utilizzate per descrivere la colonna di nube e di fuoco sono "עַמּוּד הֶעָנָן" ('ammud he-'anan) e "עַמּוּד הָאֵשׁ" ('ammud ha'esh). "עַמּוּד" ('ammud) significa "colonna" o "pilastro", indicando una forma verticale solida e imponente....

I giganti che abitavano nell’antica Canaan

I giganti che abitavano nell’antica Canaan

Il capitolo tredicesimo del libro dei Numeri narra che, su comando divino, Mosè invia dodici esploratori, uno per ciascuna tribù di Israele, per osservare la terra di Canaan. Dopo quaranta giorni, gli esploratori ritornano con report di una terra fertile ma abitata da...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Vangeli e quantistica: un rapporto possibile?

La fisica quantistica ha rivoluzionato la nostra comprensione della realtà fisica, introducendo concetti come la superposizione e l'interconnessione a distanza. Allo stesso modo, il Regno dei Cieli (o di Dio) di cui parlano i Vangeli rappresenta una realtà che...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

6 + 14 =

error: Il contenuto è protetto