Il sangue דָּם nella Bibbia ebraica

10 Gennaio 2024

La parola “דָּם” (dam), che significa “sangue” in ebraico, ha origine dalla radice verbale triconsonantica דמם (D-M-M). Analizzando questa radice, possiamo approfondire la comprensione del termine דָּם e dei suoi significati associati.

  1. ד (Dalet): la prima lettera, “ד” (dalet), ha l’immagine di una porta. In molti contesti semitici antichi, questa lettera è associata all’idea di movimento da un lato all’altro, da dentro a fuori. Nel contesto della radice “ד-מ-ם”, potrebbe suggerire una ferita, un’apertura da cui appunto esce sangue
  2. מ (Mem): la seconda lettera, “מ” (mem) era anticamente rappresentata da un’onda del mare e indica appunto qualcosa di fluido, liquido.

La combinazione di queste lettere indica una ferita da cui esce, scorre il liquido rosso del sangue.

Il sangue nel contesto sacrificale

Uno dei contesti più ricorrenti in cui il termine “דָּם” appare nella Bibbia è quello dei sacrifici. Nel contesto dei sacrifici rituali, il sangue assume un ruolo cruciale.

Esso è considerato un elemento di purificazione e espiazione. Il sacrificio di un animale e l’aspersione del suo sangue erano visti come mezzi per ripristinare la comunione tra l’individuo e Dio, rimuovendo le colpe e restaurando l’armonia.

In Levitico 17,11 leggiamo:

Poiché la vita della carne è nel sangue. Perciò vi ho concesso di porlo sull’altare in espiazione per le vostre vite; perché il sangue espia, in quanto è la vita.

Simbolo di vita e morte

Il sangue, nella Bibbia ebraica, è anche un simbolo potente della vita stessa. Nel Libro della Genesi, ad esempio, dopo il diluvio, Dio proibisce il consumo del sangue, poiché esso rappresenta la vita stessa dell’essere vivente, cfr. Genesi 9,4:

Soltanto non mangerete la carne con la sua vita, cioè il suo sangue.

Il divieto di consumare il sangue sottolinea la sacralità della vita e l’importanza di trattare ogni forma di vita con rispetto e reverenza.

Tuttavia, il sangue può anche essere associato alla morte. Nel racconto di Caino e Abele, il sangue di Abele grida dalla terra dopo essere stato versato da suo fratello Caino, Genesi 4:10:

Riprese: «Che hai fatto? La voce del sangue di tuo fratello grida a me dal suolo!

L’alleanza con Dio

Un altro contesto significativo in cui il termine “דָּם” compare è quello dell’alleanza tra Dio e il suo popolo.

Nel momento dell’istituzione dell’alleanza al Sinai, Mosè prende del sangue e lo spruzza sia sull’altare che sul popolo, simboleggiando così la stretta relazione tra Dio e Israele, Esodo 24,8:

Allora Mosè prese il sangue e ne asperse il popolo, dicendo: «Ecco il sangue dell’alleanza, che il Signore ha concluso con voi sulla base di tutte queste parole!

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

Vangeli e quantistica: un rapporto possibile?

Vangeli e quantistica: un rapporto possibile?

La fisica quantistica ha rivoluzionato la nostra comprensione della realtà fisica, introducendo concetti come la superposizione e l'interconnessione a distanza. Allo stesso modo, il Regno dei Cieli (o di Dio) di cui parlano i Vangeli rappresenta una realtà che...

La Torah come parola di Dio

La Torah come parola di Dio

Durante il Medioevo, la Torah era considerata invariabilmente la parola divina, immutabile e perfetta. Gli studiosi ebrei medievali, come Rashi (Rabbi Shlomo Yitzchaki, 1040-1105) e Maimonide (Rabbi Moshe ben Maimon, 1138-1204), hanno offerto interpretazioni...

Cos’è il “timore di Dio” (יִרְאַת יְהוָה)?

Cos’è il “timore di Dio” (יִרְאַת יְהוָה)?

La radice ebraica da cui deriva יִרְאָה è י-ר-א (Y-R-'), che implica una percezione profonda o una visione acuta. Nel contesto biblico, il termine può essere interpretato in vari modi, inclusi "timore", "rispetto", e "riverenza". Questa gamma di significati suggerisce...

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Le espressioni ebraiche utilizzate per descrivere la colonna di nube e di fuoco sono "עַמּוּד הֶעָנָן" ('ammud he-'anan) e "עַמּוּד הָאֵשׁ" ('ammud ha'esh). "עַמּוּד" ('ammud) significa "colonna" o "pilastro", indicando una forma verticale solida e imponente....

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Perché imparare l’Ebraico?

Accedere al testo nella sua forma originale La Bibbia ebraica, o Tanakh, è stata scritta originariamente in ebraico (con alcune parti in aramaico). Studiare l'ebraico biblico permette di leggere queste scritture nella loro forma originale, senza le modifiche di...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

13 + 10 =

error: Il contenuto è protetto