Il censimento d’Israele nel libro dei Numeri

14 Febbraio 2024

All’inizio del libro dei Numeri Mosè fa il primo censimento degli Ebrei usciti dall’Egitto:

Il Signore parlò a Mosè, nel deserto del Sinai, nella tenda del convegno, il primo giorno del secondo mese, il secondo anno dell’uscita dal paese d’Egitto, e disse:

«Fate il censimento di tutta la comunità degli Israeliti, secondo le loro famiglie, secondo il casato dei loro padri, contando i nomi di tutti i maschi, testa per testa, dall’età di venti anni in su, quanti in Israele possono andare in guerra; tu e Aronne ne farete il censimento, schiera per schiera … »

(Numeri 1,1-3)

Israele si trova ancora nel luogo dove undici mesi prima si era accampato per ricevere le leggi (cfr. Es 19,1).

Dove si trova il Sinai?

C’è un perenne dibattito intorno alla questione dell’identificazione del Sinai. Alcuni pensano alla cima del Gebel Musa – ossia Monte di Mosè – ma tale identificazione è di natura simbolica più che reale.

Il Sinai resta la montagna in cui l’uomo – Mosè – incontra Dio. Il deserto – in Ebr. midbar (מִדְבָּר) – è un’indicazione ancora più generica.

Le date riferite nel brano

L’incontro tra Dio e Mosè avviene nella tenda del convegno – in Ebr. be’ohel mo’ed (בְּאֹ֣הֶל מֹועֵ֑ד) – ossia il modello di quello che poi sarà il Tempio di Gerusalemme (1 Re 6).

L’autore di questo brano ha proiettato al tempo imprecisabile – ma archetipico e glorioso – dell’esodo l’origine di una istituzione che era stata da poco ricostruita, al ritorno dell’esilio babilonese.

La cronologia qui usata ha come punto di riferimento fondamentale l’uscita dall’Egitto (vedi Es 12,2; 16,1; 19,1).

Sono date che appartengono al calendario cultuale sacerdotale dell’epoca (VI-V sec. a.C.). È praticamente impossibile ricostruire, dagli elementi cronologici disseminati qua  e là, ricostruire il sistema di calcolo del tempo usato dal sacerdotale.

Il censimento

Seu et-rosh (שְׂא֗וּ אֶת־רֹאשׁ֙) così inizia il secondo versetto, alla lettera: sollevate le teste di tutta l’assemblea d’Israele … nel senso di “contare” le teste.

Il censimento era una pratica diffusa nell’Antico Vicino Oriente, per verificare la consistenza del regno di un certo re.

Il fine dei censimenti era di solito vedere chi tra il popolo fosse atto alle armi, ossia ne avesse l’età prescritta. Nel libro dei Numeri è Dio che fa il censimento e, perciò, egli è il Re d’Israele.

Ciò, nuovamente, rivela gli interessi e l’orizzonte teologico dell’autore, per il quale il sovrano vero di Israele – dopo il fallimento della monarchia – è solo Dio e i suoi rappresentanti sono i sacerdoti e la Legge.

L’assemblea di Israele

L’orizzonte sacrale e liturgico è evidente anche nella scelta del nome dell’aggregazione che il popolo d’Israele rappresenta: edah (כָּל־עֲדַ֣ת בְּנֵֽי־יִשְׂרָאֵ֔ל kol-‘edat bene-israel “tutta l’assemblea dei figli d’Israele”) ossia “comunità, assemblea”.

Accanto all’altro è più teologico termine ebraico qahal, esso rivela l’intenzione dell’autore di presentare Israele come una schiera non più militare, bensì cultuale e ben ordinata che è in marcia verso la terra promessa.

A conferma di questa comprensione cultuale e sacrale di Israele nel deserto secondo il libro dei Numeri, la LXX traduce edah con synagoghé (συναγωγῆς) e qahal con ekklesia.

Il linguaggio stereotipato e classico del sacerdotale è molto chiaro anche nella suddivisione sociale d’Israele che sta per essere censito:

la tribù, la famiglia (il clan) e il casato. Queste denominazioni rappresentavano la sudivisione sociale classica della società israelitica.  Al versetto 3 si parla anche del capo del casato, una sorta di rappresentante riconosciuto di ciascuna tribù.

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

La potenza della parola: il verbo אָמַר (‘amar) nella Bibbia Ebraica

La potenza della parola: il verbo אָמַר (‘amar) nella Bibbia Ebraica

Genesi 1,3 «Dio disse: «Sia la luce!» E la luce fu». וַיֹּאמֶר אֱלֹהִים יְהִי אוֹר וַיְהִי אוֹר Vayomer Elohim yehi or vayhi or In questo versetto, il verbo אָמַר (amar) è usato per descrivere l'atto creativo di Dio. Dio "disse" e, con la sua parola, creò la luce....

Perché la preghiera spesso un funziona?

Perché la preghiera spesso un funziona?

«In verità io vi dico: se uno dice a questo monte: «Sii sollevato e sii gettato nel mare», e se non dubita suo cuore, ma crede che quanto dice avverrà, gli sarà fatto» Marco 11,23 ἀμὴν λέγω ὑμῖν ὅτι ὃς ἂν εἴπῃ τῷ ὄρει τούτῳ Ἄρθητι καὶ βλήθητι εἰς τὴν θάλασσαν καὶ μὴ...

Di quanti libri è composta la Bibbia ebraica?

Di quanti libri è composta la Bibbia ebraica?

La Bibbia ebraica, o Tanakh, è una raccolta di testi sacri che formano la base del giudaismo. La parola "Tanakh" è un acronimo formato dalle iniziali delle tre parti principali che la compongono: Torah, Nevi'im e Ketuvim. Torah (תּוֹרָה) «Ascolta, Israele: il Signore...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Chi è l’angelo (מַלְאָךְ – mal’ak) nella Bibbia ebraica?

Il termine מַלְאָךְ appare in numerosi passaggi della Bibbia ebraica. La parola ebraica מַלְאָךְ (mal’akh) deriva dalla radice verbale לָאַךְ (la’akh), che significa "inviare". Pertanto, מַלְאָךְ può essere tradotto come "messaggero" o "colui che è inviato". Nella...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

3 + 5 =

error: Il contenuto è protetto