I più bei salmi della Bibbia: il Salmo 1

13 Febbraio 2024

Praticamente tutti i salmi del libro primo (Salmi 1-41) del Salterio hanno delle vere e proprie intestazioni, tranne i primi due. Sembrerebbe allora che i Salmi 3-41 fossero una raccolta davidica unitaria. Una volta che l’intero Salterio fu compilato, i Salmi 1 e 2 furono forse aggiunti per introdurre l’intera collezione.

Quindi, nella sua posizione attuale, il Salmo 1 introdurrebbe il libro dei Salmi, invitando in particolare alla meditazione del primo libro del Salterio come “la legge del Signore”.

Il salmo è suddiviso in tre parti:

A. si dichiara chi è da considerare beato e descrive il carattere e il destino di tale persona (vv. 1-3).

B. si pronuncia poi il destino dell’antitipo, “i malvagi” (vv. 4-5).

C. Si conclude con una dichiarazione riassuntiva che rivela il ruolo di YHWH nel determinare i loro destini (v.6).

Chi può dirsi “beato”

Beato l’uomo che non segue il consiglio degli empi,
non indugia nella via dei peccatori
e non siede in compagnia degli stolti;
ma si compiace della legge del Signore,
la sua legge medita giorno e notte.

Sarà come albero piantato lungo corsi d’acqua,
che darà frutto a suo tempo
e le sue foglie non cadranno mai;
riusciranno tutte le sue opere.

(Salmo 1,1-3)

Il carattere e il comportamento del destinatario della benedizione vengono descritti anzitutto da tre frasi negative introdotto dal “non” (לֹ֥א), più tre verbi che connotano le azioni dell’uomo beato, rispetto a tre categorie di persone che vengono descritte in modo sempre più preciso come: empi (cioè) peccatori (cioè) stolti.

Il ritratto positivo del beato definisce quella persona da ciò che “lo entusiasma” (il suo compiacimento) e da ciò che lo occupa (“medita giorno e notte”) – in altre parole, da ciò che realmente apprezza.

Il beato viene così identificato non dallo status sociale o dal solo comportamento, ma dall’atteggiamento e da ciò che attira la sua attenzione.

Mentre il salmo certamente incoraggia la meditazione, l’accento qui sta sull’oggetto, come l’ordine delle parole rende chiaro: “sulla sua legge medita”. Testi biblici come questo certamente approvano la “meditazione” come un’attività biblica. In contrasto con altri tipi, tuttavia, la meditazione biblica è focalizzata su un contenuto specifico.

Il verbo ebraico significa letteralmente “mormorare” (radice הָגָה hagah). È in qualche modo analogo alla “lettura” (ricordando che la lettura silenziosa è un’invenzione relativamente recente), ma connota anche l’idea di “riflettere” su qualcosa più e più volte, quasi una “ruminatio”. Il verbo può avere anche la sfumatura di “ponderare”.

La forma che prenderà la benedizione del verso uno è ora immaginata al versetto 3. I destini rispettivi dei “giusti” e dei “malvagi” sono descritti con similitudini agricole.

La persona giusta è come un albero ben innaffiato; i malvagi sono come pula trasportata dal vento. Il fatto che la sua foglia non appassisca implica che questo albero è in grado di mantenere il suo verde e la sua ombra anche durante la stagione secca in Medio Oriente.

La frase, “che darà frutto a suo tempo”, è un’immagine semplice che illustra una verità profonda: i credenti possono essere in grado di sostenere la vita spirituale attraverso tempi di avversità, ma possono essere produttivi solo in certi momenti, la cui determinazione è al di là del loro controllo. La fioritura continua non è presa in considerazione qui. L’affermazione “riusciranno tutte le sue opere” interrompe l’immagine agricola e fa eco a Giosuè 1,8.

La via dei malvagi

Non così, non così gli empi:
ma come pula che il vento disperde;

perciò non reggeranno gli empi nel giudizio,
né i peccatori nell’assemblea dei giusti.

Il Signore veglia sul cammino dei giusti,
ma la via degli empi andrà in rovina.

(Salmo 1,4-6)

Al contrario, l’immagine della pula illustra l’assenza di benedizione per i malvagi, che mancano sia di vita che di sostanza. A quale giudizio si riferisce la frase “non reggeranno gli empi nel giudizio”? I lettori cristiani tendono a pensare al giudizio finale, ma questo non è un elemento prominente nei Salmi.

Il giudizio riguarda l’assemblea giusta, cioè la congregazione di adoratori (vedi 74,2; 111,1). Quindi, ai malvagi è vietato dall’accesso alla vita e alla lode che porta vita e benedizione, rese disponibili solo alla congregazione di adoratori di YHWH; una vita al di fuori dell’appartenenza alla comunità di vita e di lode porta solo alla rovina.

L’unica menzione di un’azione divina in questo salmo è alla fine: il Signore veglia sul cammino dei giusti. In superficie, i destini dei giusti e dei malvagi sembrano essere determinati dalla legge naturale: i primi seguono la strada la cui immagine è un albero piantato presso corsi d’acqua, e i secondi seguono la strada la cui immagine è la pula trasportata dal vento.

La scelta enigmatica delle parole nel verso 3 (“piantato” e “corsi d’acqua”, notato sopra), potrebbe suggerire che il misterioso “piantatore” e “irrigatore” è ora rivelato nel verso 6. Nessuna azione divina è esplicitamente predicata per la via dei malvagi; semplicemente periranno.

L’implicazione è che senza un intervento divino la vita degenererà in morte; è solo con l’aiuto divino che è possibile sostenere la vita.

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

La Torah come parola di Dio

La Torah come parola di Dio

Durante il Medioevo, la Torah era considerata invariabilmente la parola divina, immutabile e perfetta. Gli studiosi ebrei medievali, come Rashi (Rabbi Shlomo Yitzchaki, 1040-1105) e Maimonide (Rabbi Moshe ben Maimon, 1138-1204), hanno offerto interpretazioni...

Cos’è il “timore di Dio” (יִרְאַת יְהוָה)?

Cos’è il “timore di Dio” (יִרְאַת יְהוָה)?

La radice ebraica da cui deriva יִרְאָה è י-ר-א (Y-R-'), che implica una percezione profonda o una visione acuta. Nel contesto biblico, il termine può essere interpretato in vari modi, inclusi "timore", "rispetto", e "riverenza". Questa gamma di significati suggerisce...

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Le espressioni ebraiche utilizzate per descrivere la colonna di nube e di fuoco sono "עַמּוּד הֶעָנָן" ('ammud he-'anan) e "עַמּוּד הָאֵשׁ" ('ammud ha'esh). "עַמּוּד" ('ammud) significa "colonna" o "pilastro", indicando una forma verticale solida e imponente....

I giganti che abitavano nell’antica Canaan

I giganti che abitavano nell’antica Canaan

Il capitolo tredicesimo del libro dei Numeri narra che, su comando divino, Mosè invia dodici esploratori, uno per ciascuna tribù di Israele, per osservare la terra di Canaan. Dopo quaranta giorni, gli esploratori ritornano con report di una terra fertile ma abitata da...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Vangeli e quantistica: un rapporto possibile?

La fisica quantistica ha rivoluzionato la nostra comprensione della realtà fisica, introducendo concetti come la superposizione e l'interconnessione a distanza. Allo stesso modo, il Regno dei Cieli (o di Dio) di cui parlano i Vangeli rappresenta una realtà che...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

10 + 7 =

error: Il contenuto è protetto