I commenti biblici di Qumran: il commento ad Abacuc

26 Maggio 2017

319px-Qumran_Caves_03Sono chiamati pesharim  – da pashar, verbo ebraico che significa dividere, separare – e si tratta di veri e propri commentari biblici. Il metodo seguito è il seguente: viene scelto un particolare libro della Bibbia, da cui viene citato alla lettera un certo testo che ha – secondo l’autore – un senso compiuto; di questo brano viene poi fornita un’interpretazione asciutta ed essenziale. Tuttavia non si tratta di un semplice commento biblico, come quelli che troviamo in un moderno commentario.

Nel libro biblico di Daniele (2,4; 5,7) si parla dell’abilità del profeta nell’interpretare il senso misterioso e nascosto dei sogni e dei simboli in essi contenuto che va ben oltre il significato semplice delle parole. Forse gli uomini di Qumran – gli esseni – si ispiravano proprio a questo modello di profezia e intendevano fare proprio questo con il termine pesher.

Partendo dalla consapevolezza di vivere negli ultimi tempi, l’autore dei pesharim riconoscevano nei testi biblici i segni per riconoscere ciò che accadeva nel presente, od anche nel passato, per capire però anche le tendenze future. Oggi la potremmo chiamare esegesi attualizzante, ma senza la preoccupazione di capire qual era l’intenzione originale dell’autore biblico da cui dipende, ovviamente, il messaggio che quel testo vuol comunicare. Di seguito vediamo un esempio tratto dal pesher di Abacuc (o Commento ad Abacuc – siglato come 1QpAb).

Il profeta Abacuc, visse tra il 650 e il 600 a.C. e fu inviato da Dio per avvisare i Giudei che prestò sarebbero stati attaccati e distrutti dai Babilonesi (i Caldei). Per l’autore del pesher, i Caldei erano rappresentati ai suoi tempi dai Kittim (cfr. Gen 10,4) – ossia i Romani – che avrebbero compiuto la vendetta contro gli ambienti corrotti di Giuda da cui gli esseni di Qumran si erano distaccati. In uno dei brani di Abacuc si narra proprio a chiare lettere il dissidio che portò alla separazione da Gerusalemme:

«Guai a colui che fa bere al suo prossimo versando su di lui la sua collera fino a inebriarlo per contemplare le loro feste».
L’interpretazione si riferisce al sacerdote empio, che ha perseguitato il maestro di giustizia, inghiottendolo nell’irritazione della sua collera; nella casa del suo esilio e al tempo della festa del riposo, nel giorno dell’espiazione, egli apparve loro per inghiottirli e per rovesciarli nel giorno del digiuno, nel sabato del loro riposo. (1QpAb XI, 2-8)

Qui il dissidio che portò alla separazione del maestro di giustizia da Gerusalemme, dove vivevano i sacerdoti empi – ossia i Sommi sacerdoti non sadociti – è un po’ sullo sfondo di un altro drammatico evento in cui il sacerdote empio cercò evidentemente di uccidere il maestro di giustizia che già era in esilio, prendendolo alla sprovvista in un giorno di riposo assoluto come quello dello Yom Kippur, il giorno dell’espiazione, la festività più importante del calendario ebraico. Ma anche dentro la stessa comunità di Qumran c’erano dei traditori dei quali si parla in un altro brano:

«Guardate le genti e osservate, inorridite e ammutolite, perché nei vostri giorni si compirà qualcosa, che non credereste se fosse narrata». (Abacuc 1,5)
L’interpretazione del passo si riferisce a coloro che hanno tradito con l’uomo di menzogna poiché non hanno creduto alle parole del maestro di giustizia di Dio, e a coloro che hanno tradito il nuovo patto poiché non hanno creduto al patto di Dio ed hanno profanato il suo santo nome.
L’interpretazione del passo si riferisce ugualmente a coloro che tradiranno alla fine dei giorni. Costoro sono i violenti che infrangono il patto, che non crederanno allorché udranno tutte le cose che accadranno all’ultima generazione della bocca del sacerdote nel cuore del quale Dio ha posto intelligenza per interpretare tutte le parole dei suoi servi, i profeti, per mezzo dei quali Dio ha annunziato tutte le cose che accadranno al suo popolo e alla sua terra… (1QpAb I,17-II,10)

È un vero mistero capire chi sia questo misterioso uomo di menzogna (cfr. Prov 19,22). Alcuni lo identificavano con Giovanni Ircano I, che – successore dei Maccabei – si era arrogato la carica di Re e di Sommo sacerdote, benché non fosse discendente di Davide, né del casato sacerdotale di Sadok. Altri pensano che si tratti invece di uno che ha tradito la setta stessa degli esseni che si definivano come nuovo patto (cfr. Ger 31,31) e che ha preferito invece aderire alla politica corrotta ed eretica degli Armonei, i successori appunto dei Maccabei. Il testo parla di coloro che hanno tradito e cioè quegli esseni – o membri stessi della comunità di Qumran – che hanno seguito l’uomo di menzogna, rifiutando l’interpretazione della Scrittura che si faceva a Qumran.

Come si nota, il commento si riferisce sia ad un evento accaduto nel presente o forse nel passato sia a qualcosa che accadrà in futuro, alla fine dei giorni. Gli esseni di Qumran, credevano di trovarsi in prossimità della fine, perciò si tratta di eventi non posti in un futuro così lontano, a mio avviso. Allora, si ripeterà ciò che era accaduto in passato, ossia vi saranno coloro che tradiranno il patto – ossia gli insegnamenti di Qumran – nonostante apprenderanno tutto ciò che accadrà e che confermeranno ciò che era stato profetizzato dal sacerdote. (Testo di riferimento, oltre a quello di Luigi Moraldi, già citato, quello di James C. Vanderkam, I Manoscritti di Qumran, Città Nuova 1997)

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Cos’è l’oceano celeste?

Cos’è l’oceano celeste?

La cosmografia della Bibbia https://youtu.be/vBvUnU9lbnM Il verbo “separare” è il secondo termine che descrive l’opera creatrice di Dio nella Bibbia. Essa infatti non consiste solo nel “creare”, ma anche nel “separare” – in ebraico badal – gli elementi creati. Dio...

Imparare l’Ebraico oggi si può!

Imparare l’Ebraico oggi si può!

Un corso unico in Italia, studiato sulla base delle tue esigenze   Ho detto più volte che il Corso di Ebraico che numerose persone stanno seguendo è davvero unico in Italia, per vari motivi. Un corso di Ebraico unico in Italia Anzitutto, perchè offro ogni volta due...

Perché il firmamento è azzurro?

Perché il firmamento è azzurro?

La Bibbia - Genesi cap. 1, vers. 6 https://youtu.be/PFg7rz7-wO0 Gli antichi autori della Bibbia pensavano che l'azzurro del cielo dipendesse dalle acque che vi si trovavano sopra ... bello no! In effetti, le antiche cosmografie, immaginavano il firmamento come una...

Cosa accadde dentro la tomba di Gesù?

Cosa accadde dentro la tomba di Gesù?

Così dicevo nel mio "Il libro segreto di Gesù" «Ricostruiamo dunque la scena del crimine, mettendo insieme tutti gli indizi fin qui raccolti: Gesù morì in croce il sesto giorno della settimana – 7 aprile del 30 d.C. – probabilmente a causa delle profonde ferite che...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Bibbia e intelligenza artificiale

Un esperimento interessante per far comprendere la Bibbia agli uomini di oggi La Bibbia, almeno nelle statistiche, è il libro più letto e venduto al mondo. Questo lo sanno tutti. Il testo sacro è stato tradotto in tutte le lingue, dialetti africani ed anche italiani....

COME POSSO AIUTARTI?

5 + 13 =