Esegesi del passaggio del Mar Rosso: la divisione delle acque – (Terza parte)

23 Febbraio 2022

Come si è detto, in Esodo 14 – il racconto del passaggio nel Mar Rosso – sono presenti due racconti diversi, che sono stati intrecciati dagli autori biblici. Nel primo, si dice che il passaggio nel Mar Rosso avvenne grazie ad un un prosciugamento del mare  e il secondo  grazie alla divisione delle acque.

Il racconto della divisione delle acque

Questo racconto, lo ricordiamo, è composto da un ordine dato da Dio nel v. 16 e dalla sua esecuzione nel v. 21. In entrambi i versetti è presente anche l’ordine di camminare sulla terra asciutta e il relativo adempimento. Ovviamente, la descrizione delle due muraglie di acqua – prodotte dalla divisione del mare – appartiene allo stesso racconto.

Il secondo ordine, quello di stendere la mano e di far tornare le acque sugli egiziani, (v. 26), trova la sua esecuzione nei vv. 27 e 28. A questi elementi principali, si aggiungono altri:

  • l’indurimento del cuore del Faraone (cfr. v. 4.8.17)
  • la glorificazione di YHWH (ibidem)
  • il riconoscimento (cfr. vv. 4.18)
  • l’inseguimento del Faraone, dovuto all’indurimento del cuore (cfr. 4.8.17.23.28) e che è motivo della glorificazione e del riconoscimento

Infine, anche i vv. 1-4 e 15-18 appartengono a questo racconto, composto quindi da questi versetti: 14,1-4.7-8.15-18.(parte del v.) 21:

Il Signore disse a Mosè: «Comanda agli Israeliti che tornino indietro e si accampino davanti a Pi-Achirot, tra Migdol e il mare, davanti a Baal-Zefon; di fronte ad esso vi accamperete presso il mare. Il faraone penserà degli Israeliti: Vanno errando per il paese; il deserto li ha bloccati! Io renderò ostinato il cuore del faraone ed egli li inseguirà; io dimostrerò la mia gloria contro il faraone e tutto il suo esercito, così gli Egiziani sapranno che io sono il Signore!».
Essi fecero in tal modo.
Prese poi seicento carri scelti e tutti i carri di Egitto con i combattenti sopra ciascuno di essi. Il Signore rese ostinato il cuore del faraone, re di Egitto, il quale inseguì gli Israeliti mentre gli Israeliti uscivano a mano alzata.
Il Signore disse a Mosè: [«Perché gridi verso di me?] Ordina agli Israeliti di riprendere il cammino. Tu intanto alza il bastone, stendi la mano sul mare e dividilo, perché gli Israeliti entrino nel mare all’asciutto. Ecco io rendo ostinato il cuore degli Egiziani, così che entrino dietro di loro e io dimostri la mia gloria sul faraone e tutto il suo esercito, sui suoi carri e sui suoi cavalieri. Gli Egiziani sapranno che io sono il Signore, quando dimostrerò la mia gloria contro il faraone, i suoi carri e i suoi cavalieri».
Allora Mosè stese la mano sul mare. [ … ] e acque si divisero.

La caratteristica teologica del racconto

L’unico elemento che non “quadra” in questa descrizione è il v. 15 – testo tra parentesi quadra – perché non si capisce quando Mosè gridò al Signore. A parte ciò, il racconto è ben riconoscibile ed si basa principalmente sulla corrispondenza tra la parola di Dio e il suo compimento. 

Lo scopo del racconto, quindi, è quello della manifestazione della gloriai di YHWH agli occhi degli egiziani, la sua superiorità rispetto agli dèi egizi. In questo quadro, gli esseri umani – siano gli ebrei o gli egiziani – sono in secondo piano rispetto allo scontro tra divinità per manifestare la propria superiorità.

E’ evidente che, per l’autore, YHWH era l’unico Dio onnipotente e superiore a tutti gli dèi degli altri popoli. Approfondiremo più avanti queste considerazioni.

Photo by Silas Baisch on Unsplash

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Come sono nati i libri storici? – (Seconda parte)

Come sono nati i libri storici? – (Seconda parte)

Fino alla fine degli anni sessanta, la teoria di Martin Noth - ossia quella di un unico autore per il Dtr ( = Deuteronomista) - rimase sostanzialmente invariata, trovando principalmente conferme e qualche piccola rettifica. Tra i sostenitori, va annoverato anzitutto...

Come sono nati i libri storici? – (Prima parte)

Come sono nati i libri storici? – (Prima parte)

Nel periodo rabbinico, gli autori riconoscevano generalmente che il Pentateuco fosse stato scritto da Mosè, mentre i "Profeti anteriori" - ossia la prima parte della seconda grande sezione della Bibbia ebraica - provengono dai personaggi principali di cui questi libri...

Genesi 1,1 significa veramente “in principio”?

Genesi 1,1 significa veramente “in principio”?

בְּרֵאשִׁ֖ית בָּרָ֣א אֱלֹהִ֑ים אֵ֥ת הַשָּׁמַ֖יִם וְאֵ֥ת הָאָֽרֶץ bere'shit bara' 'elohim 'et hashamàyim we'et ha'àrets In principio, Elohim creò i cieli e la terra Lasciando da parte il termine elohim, su cui abbiamo discusso e discuteremo ancora, oggi vorrei...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

La storia di YHWH: si legge Yahweh?

La Bibbia ebraica riporta sempre il cosiddetto "tetragramma divino", ossia quattro lettere ebraiche יהוה YHWH. Gli ebrei non possono leggere questo nome e impongono sempre la lettura 'ADONAY (אֲדֹנָי), sovrapponendo alle lettere ebraiche YHWH (יהוה) le vocali di...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

11 + 8 =

error: Il contenuto è protetto