Ebraico, la lingua dell’anima

14 Ottobre 2020

Spesso, dico che Ebraico – la lingua della Bibbia – è una lingua dell’anima, perché?

Ok, per gli Ebrei antichi non esisteva il concetto di anima – psiché – così come noi romanticamente oggi la pensiamo, imbevuti come siamo di pensiero greco.

Per gli Ebrei esisteva la vita – che appunto chiamavano nefesh (נֶפֶשׁ) – fatta di carne (in Ebr. בָּשָׂר basar) animata dal respiro divino di vita  (נִשְׁמַ֣ת חַיִּ֑ים nishmat chayyim – cfr. Genesi 2,7).

Una vita che, però, non coincide esattamente con l’esistenza, ma con un “mondo spirituale e divino” in cui essa è inserita e di cui l’uomo è immagine (צֶלֶם tsélem) e a cui l’uomo assomiglia (דְּמוּת demùt).

Molti dicono che Dio, nella Bibbia, è descritto con linguaggio antropomorfo; per me non è del tutto esatto. È l’uomo ad essere stato creato “teomorfo” – ossia ad immagine di Dio – proprio in virtù di quello che si dice in Gen 1,26-28.

Proprio da questa “base spirituale”, da questo sostrato umano-divino, la Lingua ebraica ha saputo prendere il meglio, dando vita alle pagine più sublimi della Bibbia, come per esempio il Cantico dei Cantici, molti Salmi, oppure alcuni testi del libro della Sapienza.

Per questo motivo, per farmi capire da tutti, dico che Ebraico è una lingua dell’anima, ossia una lingua che sa attingere al livello umano in cui Dio parla e ispira.

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

La potenza della parola: il verbo אָמַר (‘amar) nella Bibbia Ebraica

La potenza della parola: il verbo אָמַר (‘amar) nella Bibbia Ebraica

Genesi 1,3 «Dio disse: «Sia la luce!» E la luce fu». וַיֹּאמֶר אֱלֹהִים יְהִי אוֹר וַיְהִי אוֹר Vayomer Elohim yehi or vayhi or In questo versetto, il verbo אָמַר (amar) è usato per descrivere l'atto creativo di Dio. Dio "disse" e, con la sua parola, creò la luce....

Di quanti libri è composta la Bibbia ebraica?

Di quanti libri è composta la Bibbia ebraica?

La Bibbia ebraica, o Tanakh, è una raccolta di testi sacri che formano la base del giudaismo. La parola "Tanakh" è un acronimo formato dalle iniziali delle tre parti principali che la compongono: Torah, Nevi'im e Ketuvim. Torah (תּוֹרָה) «Ascolta, Israele: il Signore...

Perché imparare l’Ebraico?

Perché imparare l’Ebraico?

Accedere al testo nella sua forma originale La Bibbia ebraica, o Tanakh, è stata scritta originariamente in ebraico (con alcune parti in aramaico). Studiare l'ebraico biblico permette di leggere queste scritture nella loro forma originale, senza le modifiche di...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Chi è l’angelo (מַלְאָךְ – mal’ak) nella Bibbia ebraica?

Il termine מַלְאָךְ appare in numerosi passaggi della Bibbia ebraica. La parola ebraica מַלְאָךְ (mal’akh) deriva dalla radice verbale לָאַךְ (la’akh), che significa "inviare". Pertanto, מַלְאָךְ può essere tradotto come "messaggero" o "colui che è inviato". Nella...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

10 + 6 =

error: Il contenuto è protetto