E se la traduzione del primo versetto della Bibbia fosse sbagliata?

16 Giugno 2020

Le traduzioni della Bibbia, dipendono dall’inserimento delle vocali.  Affronto oggi, insieme a voi, un argomento piuttosto delicato. Si tratta, infatti, del versetto più famoso della Bibbia, il primo:

בְּרֵאשִׁ֖ית בָּרָ֣א אֱלֹהִ֑ים אֵ֥ת הַשָּׁמַ֖יִם וְאֵ֥ת הָאָֽרֶץ

bereshit barà elohim ‘et hashamayim we’et ha’arets

In principio Dio creò il cielo e la terra

Genesi 1,1

Tutto dipende dalle vocali

Ora, il testo ebraico “originale” era costituito solo da consonanti. Le vocali – ossia i segnetti sotto le consonanti – furono inserite a partire dal VII sec. d.C., quasi mille anni dopo la stesura finale del Pentateuco.

Tale inserimento impose una sola comprensione della parola formata solo da consonanti e perciò aperta a diverse interpretazioni.

Per fare un esempio in Italiano, le consonanti F T T, possono leggersi in diversi modi, a seconda delle vocali inserite: FaTTo, FiTTo, FeTTa, etc.

In Ebraico è un po’ la stessa cosa. Facciamo un esempio col nostro versetto. La traduzione classica di Genesi 1,1 – così come indicato sopra – si basa su questa vocalizzazione (le consonanti in grassetto):

bereshit BaRa בָּרָא ‘elohim et hashamayim weet haarets

Se, invece, inserissimo vocali diverse avremmo:

bereshit BeRo בְּרֹא elohim et hashamayim weet haarets

Così cambia tutto

Se al posto di BaRa leggiamo BeRo, dovremmo tradurre in questo modo:

«All’inizio del creare Dio il cielo e la terra … »

Così cambia veramente tutto, perché poi saremmo costretti a collegare il secondo versetto direttamente al primo:

«All’inizio del creare Dio il cielo e la terra, la terra era deserta e vuota»

Potremmo tradurre in modo più comprensibile:

«Quando Dio creò (o anche “iniziò a creare”) il cielo e la terra, la terra era deserta e vuota … ».

Il primo versetto, infatti, sembra staccato dal secondo, quasi che si trattasse di due creazioni diverse, o due fasi della creazione, come alcuni sostengono.

Così, invece, la terra fa parte integrante della stessa ed unica creazione di Dio, la cui prima opera effettiva, ossia determinata da un comando esplicito di Dio, è la luce.

Questa possibilità di comprensione viene dal grande studioso medievale della Bibbia, Rashi, nel suo commento alla Genesi.

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Il paradiso perduto

Il paradiso perduto

Il Signore Dio lo scacciò dal giardino di Eden, perché lavorasse il suolo da dove era stato tratto Genesi 3,23 Questo versetto svolge due funzioni. Chiude il capitolo 3 ed insieme la prima parte della Genesi, ossia la creazione e il racconto della caduta (Genesi 1-3)....

Eva (חַוָּה “chawwah”): la madre di ogni essere vivente

Eva (חַוָּה “chawwah”): la madre di ogni essere vivente

L'uomo chiamò la moglie Eva, perché essa fu la madre di tutti i viventi Genesi 3,20 La questione dei nomi dei due primi esseri umani è veramente ingarbugliata. Iniziamo dal maschio: Adamo. Il suo non è un vero nome, almeno non nel senso che qualcuno lo chiamò così. Si...

La terraferma

La terraferma

Dio disse: «Le acque che sono sotto il cielo, si raccolgano in un solo luogo e appaia l'asciutto». E così avvenne Genesi 1,9 Se proviamo a visualizzare le immagini che queste parole così evocative suscitano nella nostra mente, sembra quasi di trovare una conferma...

Quando essere fragili significa essere davvero umani

Quando essere fragili significa essere davvero umani

Chi ti ha fatto sapere che eri nudo? Hai forse mangiato dell'albero di cui ti avevo comandato di non mangiare? Genesi 3,11 All'improvviso l'uomo si scopre fragile, tremante e tremendamente bisognoso di tutto e di tutti. Una condizione, questa, dovuta non tanto alla...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Studiare l’Ebraico è ancora più facile: scopri come fare!

Studiare l'ebraico antico non è solo un'attività intellettuale, uno dei tanti corsi che si fanno e che poi si dimenticano. Studiare l'ebraico, significa esplorare se stessi e il riflesso della nostra divina immagine così come si trova nella Bibbia ebraica. In questi...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

10 + 15 =