Cosa significa essere grandi nella Bibbia?

17 Gennaio 2024

La parola גָּדוֹל (gadol) e la sua forma femminile גְּדוֹלָה (gedolah) derivano dalla radice verbale גדל (gadal), che esprime l’idea di crescita e sviluppo.

Questa radice concettualizza l’aumento in dimensioni, importanza o influenza. Il processo di crescita è centrale nel significato di queste parole ebraiche, sottolineando l’idea di raggiungere uno stato di grandezza non solo materiale e fisica, ma anche morale e spirituale.

Uomini e donne grandi nella Bibbia ebraica

Nella Bibbia ebraica, il termine “grande” non si limita all’aspetto fisico, ma abbraccia anche l’elevazione spirituale, la virtù e l’autorità. Gli individui sono spesso definiti come “grandi” non solo per la loro statura fisica, ma per le loro azioni, la loro saggezza e il loro impatto sulla comunità:

Mosè (מֹשֶׁה – Mosheh):

Ora il Signore fece sì che il popolo trovasse favore agli occhi degli Egiziani. Inoltre Mosè era un uomo assai considerato nel paese d’Egitto, agli occhi dei ministri del faraone e del popolo

Es 11,3

Re Salomone (שְׁלֹמֹה – Shelomoh):

Dio concesse a Salomone saggezza e intelligenza molto grandi e una mente vasta come la sabbia che è sulla spiaggia del mare

1 Re 5,9

Tra le grandi donne, vorrei qui ricordare la donna di Sunem che preparò per il grande profeta Elia una stanza al piano superiore della sua casa, affinché il profeta potesse alloggiarvi ogni volta che lo desiderasse:

Un giorno Eliseo passava per Sunem, ove c’era una donna notabile (“grande” גְּדוֹלָה in Ebraico), che l’invitò con insistenza a tavola. In seguito, tutte le volte che passava, si fermava a mangiare da lei. Essa disse al marito: «Io so che è un uomo di Dio, un santo, colui che passa sempre da noi. Prepariamogli una piccola camera al piano di sopra, in muratura, mettiamoci un letto, un tavolo, una sedia e una lampada, sì che, venendo da noi, vi si possa ritirare».

2 Re 4,8-10

Attributo di Dio

L’aggettivo è spesso attribuito anche a Dio:

Non tremare davanti ad essi, perché il Signore tuo Dio è in mezzo a te Dio grande (גָּדוֹל) e terribile

Dt 7,21
Dio è grande perché supera i nostri schemi ed impaurisce perché si trova sempre oltre la nostra zona di confort, ci spinge al di là del passato o del futuro prevedibile, per farci entrare nel suo regno dove abbiamo già tutto quello che ci serve.
Quando accettiamo e accogliamo questi orizzonti più ampi, anche se inizialmente spaventosi, Dio fa e farà cose grandi per noi. Una volta compiute, saranno poi oggetto del nostro ringraziamento:
Egli è l’oggetto della tua lode, Egli è il tuo Dio; ha fatto per te quelle cose grandi e tremende che i tuoi occhi hanno visto
Dt 10,21
Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

Vangeli e quantistica: un rapporto possibile?

Vangeli e quantistica: un rapporto possibile?

La fisica quantistica ha rivoluzionato la nostra comprensione della realtà fisica, introducendo concetti come la superposizione e l'interconnessione a distanza. Allo stesso modo, il Regno dei Cieli (o di Dio) di cui parlano i Vangeli rappresenta una realtà che...

La Torah come parola di Dio

La Torah come parola di Dio

Durante il Medioevo, la Torah era considerata invariabilmente la parola divina, immutabile e perfetta. Gli studiosi ebrei medievali, come Rashi (Rabbi Shlomo Yitzchaki, 1040-1105) e Maimonide (Rabbi Moshe ben Maimon, 1138-1204), hanno offerto interpretazioni...

Cos’è il “timore di Dio” (יִרְאַת יְהוָה)?

Cos’è il “timore di Dio” (יִרְאַת יְהוָה)?

La radice ebraica da cui deriva יִרְאָה è י-ר-א (Y-R-'), che implica una percezione profonda o una visione acuta. Nel contesto biblico, il termine può essere interpretato in vari modi, inclusi "timore", "rispetto", e "riverenza". Questa gamma di significati suggerisce...

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Il mistero della colonna di nube e di fuoco

Le espressioni ebraiche utilizzate per descrivere la colonna di nube e di fuoco sono "עַמּוּד הֶעָנָן" ('ammud he-'anan) e "עַמּוּד הָאֵשׁ" ('ammud ha'esh). "עַמּוּד" ('ammud) significa "colonna" o "pilastro", indicando una forma verticale solida e imponente....

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Perché imparare l’Ebraico?

Accedere al testo nella sua forma originale La Bibbia ebraica, o Tanakh, è stata scritta originariamente in ebraico (con alcune parti in aramaico). Studiare l'ebraico biblico permette di leggere queste scritture nella loro forma originale, senza le modifiche di...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

4 + 1 =

error: Il contenuto è protetto