Al riparo dell’Altissimo

19 Settembre 2022

colui che sorge

(Articolo di Cecilia Mariotto)

יֹ֭שֵׁב בְּסֵ֣תֶר עֶלְיֹ֑ון בְּצֵ֥ל שַׁ֝דַּ֗י יִתְלֹונָֽן׃

Chi abita al riparo dell’Altissimo
passerà la notte all’ombra dell’Onnipotente

(Sal 91,1)

Forse qualcuno di noi ha avuto modo di leggere o recitare questo salmo, questa preghiera che cita un “riparo” , un “Altissimo” e un’ “ombra”.

Una preghiera e invocazione verso il Signore che protegge, che vince i nostri nemici, che non permette la nostra sconfitta nè la nostra rovina. E’ l’immagine di un Dio che ci tiene nascosti, al sicuro.

Al riparo dell’Altissimo

Mi ha sempre incuriosito questa metafora che davo quasi per scontata, un po’ come se fossero parole ovvie: D-o protegge, è Altissimo perchè è irraggiungibile, perchè vive là, da qualche parte, in mezzo al cielo, dove non possiamo vederlo, ma dall’alto protegge ogni cosa.

A questo proposito mi ha colpito la radice della parola ebraica  עָלָה  . Questa parola ha come significato “salire”, “sorgere”.

Salire e proteggere

La cosa che mi affascina è che il riparo, il rifugio, è qualcosa che copre, che nasconde dal pericolo (pensiamo alle tane, alle grotte). Ma il riparo di D-o è il rifugio di qualcuno che sale, che sorge, che compie l’azione di salire e mentre sale ti protegge.

Interessante che la protezione sia collegata ad un’ascesa, qualcosa che salendo fa cambiare prospettiva. Allora possiamo essere “nascosti”, protetti da un riparo.

E’ un rifugio che ha un sapore diverso: nascosti da qualcosa che si fa strada, che sale, un po’ come il sole che sorge.

Qualcosa che non è scuro, sotto cui non devi rannicchiarti perchè lo spazio è poco ed angusto. Tutt’altro. E’ un riparo, una protezione che ci viene donata da un D-o che sale, e lo spazio, i colori, prendono tutta un’altra forma, tutto un altro sapore.

Un sorgere che visita

Tutto questo mi fa pensare al cantico di Zaccaria, testo del Vangelo di Luca:

ci visiterà un sole che sorge dall’alto,
per risplendere su quelli che stanno nelle tenebre

Un sole che sorge, un Dio che sale, che protegge, per risplendere su chi è nella tenebra. Mi fa pensare ad un Dio che protegge portando fuori, aiutandoci a salire le salite, piuttosto che rinchiuderci in una tana, in un nascondiglio da cui non possiamo uscire nel pericolo.

La parola che ci indica un Dio che “sale”, che “sorge” (in ebraico עֶלְיֹ֑ון ) rimanda al sole del sacerdote Zaccaria, che ci presenta un ascendere, un cammino verso l’apertura, verso la “scalata”, verso una prospettiva nuova ed inaspettata.

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Come si è formata la Torah?   – Prima parte

Come si è formata la Torah? – Prima parte

Fino al XVI secolo, nessun studioso dubitava che Mosè fosse l'autore materiale del Pentateuco. Mosè aveva scritto tutti i libri del Pentateuco, al massimo servendosi di fonti. I primi studi sul Pentateuco Il primo a dubitare di questa paternità fu lo studioso tedesco...

Innalzare il nome – נָשָׂא  

Innalzare il nome – נָשָׂא  

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹ֥א תִשָּׂ֛א אֶת־שֵֽׁם־יְהוָ֥ה אֱלֹהֶ֖יךָ לַשָּׁ֑וְא lo' tissa' 'et-shem-YHWH 'elohèka lashaweh Non innalzerai il nome del Signore tuo Dio invano (Es 20,7) Innalzare il nome del Signore:  mi ha colpito molto leggere questa traduzione...

Perché si ha paura di essere nudi?

Perché si ha paura di essere nudi?

Rispose: «Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Genesi 3,10 Perché Adamo ebbe paura? Cosa significa essere nudi? Significa la consapevolezza di essere creature davanti a Dio, bisognose di affidarsi a lui - e solo a...

Quando essere cristiani significherà vivere ai margini

Quando essere cristiani significherà vivere ai margini

Il sistema rappresentato da Babilonia la Grande è in stretto rapporto (e quasi s’identifica) con la prima bestia che sale dal mare, da cui deriva anche l’attività della seconda bestia, che sale dalla terra. Entrambe sono a loro volta in diretta relazione con la loro...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Idolo

(Articolo di Cecilia Mariotto) לֹֽ֣א תַֽעֲשֶׂ֨ה־לְךָ֥֣ פֶ֣֨סֶל֙ Non ti farai idolo (Es 20,4) Un idolo. Che cos'è quindi? Che significa che ci facciamo idoli? Letteralmente la traduzione dall'ebraico sarebbe "non farai per te un idolo". Cos'è un idolo? Il termine...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

3 + 7 =

error: Il contenuto è protetto