Abram (אַבְרָם) una benedizione per l’umanità

10 Ottobre 2023

Il brano di Genesi 12,1-3 è un passo biblico di grande rilevanza teologica e storica, poiché segna l’inizio dell’Alleanza tra Dio e Abramo, uno degli eventi più significativi nella storia del popolo ebraico e delle religioni abramitiche: Cristianesimo e Islam.

Il Signore (יְהוָה YHWH) disse ad Avram (אַבְרָם):
«Vàttene (לֶךְ-לְךָ lek-lekà) dal tuo paese, dalla tua patria
e dalla casa di tuo padre,
verso il paese che io ti indicherò.
Farò di te un grande popolo
e ti benedirò,
renderò grande il tuo nome
e diventerai una benedizione (בְּרָכָה berakah).
Benedirò coloro che ti benediranno
e coloro che ti malediranno maledirò
e in te si diranno benedette
tutte le famiglie della terra».

Spiegazione

Il brano inizia con il comando diretto di Dio a Avram  – (אַבְרָם così si chiamava prima che il suo nome venisse cambiato direttamente da Dio (Genesi 17,5) – chiedendogli di lasciare il suo paese, la sua patria e la casa di suo padre per recarsi in un luogo che Dio gli avrebbe indicato.

Questo è un atto di fede straordinario richiesto ad Avram, il quale deve abbandonare tutto ciò che gli è familiare e sicuro per seguire la chiamata di YHWH. Questo movimento di Abram verso l’ignoto simboleggia la necessità di abbandonare le comodità del passato per abbracciare il futuro ignoto abbandonato al volere divino.

Nel versetto 2, Dio promette a Avram – il cui nome ebraico significa “padre esaltato” –  una serie di benedizioni straordinarie.

Gli promette di diventare un grande popolo, di essere benedetto e di vedere il suo nome diventare grande. Queste promesse non riguardano solo la grandezza personale di Avram, ma prefigurano anche il ruolo significativo che lui e la sua discendenza avranno nella storia d’Israele e anche per i cristiani (cfr. Gal 3,6-9).

Il versetto 3 contiene una promessa ancora più ampia: Dio dichiara che coloro che benediranno Avram saranno benedetti, e coloro che lo malediranno saranno maledetti.

Importanza della benedizione

La benedizione – in ebraico בְּרָכָה berakah – ha un grande valore, perché il dire bene da parte di Dio – attraverso la mediazione di Avram –  significa apportare cose buone alla propria vita. Chiunque si opponga ad Avram o alla sua discendenza si troverà in conflitto con la volontà di Dio.

Questo principio è stato una costante nella storia ebraica, con un profondo significato psicologico per il popolo ebraico, che ha spesso trovato conforto nella convinzione che Dio vegli su di loro e li protegge da coloro che li avversano.

Inoltre, il passo si conclude affermando che in Avram saranno benedette tutte le famiglie della terra. Questa è una prospettiva universale, suggerendo che le benedizioni ricevute da Avram avranno un impatto positivo su tutta l’umanità.

Questa promessa anticipa l’idea del popolo ebraico come “luce per le nazioni” e la missione di portare la conoscenza del vero Dio a tutto il mondo. Un punto luminoso, un faro per l’umanità che si compirà pienamente con la venuta del Messia (cfr. Is 49,6).

Simone Venturini

Simone Venturini

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

il nome

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Se vuoi verificare il significato originale della Bibbia, per capire meglio cosa accade nel mondo e uscire dall’ansia della precarietà, di una vita senza radici, il video corso di ebraico antico è ciò che fa per te!

CORSO BIBLICO

Pensi che la Bibbia sia un libro che parli solo del passato? Credi che la Bibbia non abbia nulla a che fare con la tua vita, oggi? Scopri il corso che ti farà cambiare idea e crollare tanti luoghi comuni

Articoli correlati

La potenza della parola: il verbo אָמַר (‘amar) nella Bibbia Ebraica

La potenza della parola: il verbo אָמַר (‘amar) nella Bibbia Ebraica

Genesi 1,3 «Dio disse: «Sia la luce!» E la luce fu». וַיֹּאמֶר אֱלֹהִים יְהִי אוֹר וַיְהִי אוֹר Vayomer Elohim yehi or vayhi or In questo versetto, il verbo אָמַר (amar) è usato per descrivere l'atto creativo di Dio. Dio "disse" e, con la sua parola, creò la luce....

Perché la preghiera spesso un funziona?

Perché la preghiera spesso un funziona?

«In verità io vi dico: se uno dice a questo monte: «Sii sollevato e sii gettato nel mare», e se non dubita suo cuore, ma crede che quanto dice avverrà, gli sarà fatto» Marco 11,23 ἀμὴν λέγω ὑμῖν ὅτι ὃς ἂν εἴπῃ τῷ ὄρει τούτῳ Ἄρθητι καὶ βλήθητι εἰς τὴν θάλασσαν καὶ μὴ...

Di quanti libri è composta la Bibbia ebraica?

Di quanti libri è composta la Bibbia ebraica?

La Bibbia ebraica, o Tanakh, è una raccolta di testi sacri che formano la base del giudaismo. La parola "Tanakh" è un acronimo formato dalle iniziali delle tre parti principali che la compongono: Torah, Nevi'im e Ketuvim. Torah (תּוֹרָה) «Ascolta, Israele: il Signore...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Chi è l’angelo (מַלְאָךְ – mal’ak) nella Bibbia ebraica?

Il termine מַלְאָךְ appare in numerosi passaggi della Bibbia ebraica. La parola ebraica מַלְאָךְ (mal’akh) deriva dalla radice verbale לָאַךְ (la’akh), che significa "inviare". Pertanto, מַלְאָךְ può essere tradotto come "messaggero" o "colui che è inviato". Nella...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

10 + 6 =

error: Il contenuto è protetto