Abele e il Soffio – הֶבֶל

12 Agosto 2022

Abele e il soffio

(Articolo di Cecilia Mariotto) Mentre riflettevo sul termine  che troviamo in Qohelet  (in Ebr. הֶבֶל hèvel) che indica “soffio”, mi è tornato alla mente il suono molto simile al nome di Abele.

Abele, Soffio, Spirito

Ho curiosato tra gli articoli del sito e ho trovato che effettivamente c’è una correlazione! Abele è un nome che richiama la leggerezza, la spensieratezza, la libertà, e ha la stessa radice di הֶבֶל (hèvel – soffio). La cosa mi ha molto colpito, perchè questo mi rimanda a collegare Abele, in senso simbolico, allo Spirito.

Possiamo collegare il termine “soffio” alla vacuità, alla consapevolezza di essere esseri leggeri, che possono svanire, ma allo stesso tempo capaci di accogliere il soffio di Dio che alimenta la nostra vita.

Caino uccide la “leggerezza”

Molto spesso mi sono trovata spiazzata davanti al motivo per cui Caino uccide Abele. Forse non è legittimo provare invidia di fronte ad un Dio che preferisce un fratello piuttosto che un altro?

Non è difficile riuscire a sopportare la fatica e vedere che non è premiata, non è accettata, mentre il lavoro del fratello, che vive più libero e “leggero”, viene apprezzato di più?

E’ sempre stato un grosso conflitto dentro di me: e se io fossi stata Caino?

Ho cercato di approfondire in diversi modi i versetti di questo brano, e ho trovato diverse risposte. Una risposta che ho trovato ora sta proprio nel significato dei nomi. Se Caino è una figura che colleghiamo al lavoratore affaticato,  “rude”, “chiuso” e Abele invece alla “leggerezza” e “libertà” questo mi fa pensare che la chiusura uccide la libertà.

Chiusi o liberi?

Ecco allora come si potrebbe leggere questo versetto: quando siamo chiusi, quando ci chiudiamo alle cose nuove, ai cambiamenti, al dialogo, al confronto, allora chiudiamo il nostro cuore, la nostra possibilità di crescere e cambiare.

Se ci chiudiamo in noi stessi, giochiamo contro noi stessi. E’ a questo punto allora che uccidiamo la nostra “leggerezza”, la capacità di vivere con morbidezza gli eventi difficili della vita. Allora la chiusura (Caino) uccide la spensieratezza (Abele), e da lì diventa sempre più difficile ricominciare a camminare verso il cambiamento e l’apertura alla vita.

 

Simone Venturini

Simone Venturini

Biblista

Simone Venturini, nato a Fano, Biblista e Professore di Ebraico e Studi biblici è da sempre in prima linea nel settore della divulgazione e della formazione. Vive a Roma insieme alla sua famiglia ed ha ricoperto ruoli importanti nelle più prestigiose università e istituzioni pontificie di Roma. La sua mission è quella di dare alla gente gli strumenti indispensabili per approfondire la Bibbia e capire il senso della vita e della storia.

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore.

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

Articoli correlati

Le novantanove pecore

Le novantanove pecore

(Articolo di Cecilia Mariotto e Lisetta Delsoldato) Leggiamo così nel vangelo di Luca: Chi di voi, se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e va in cerca di quella perduta, finché non la trova? (LC 15,4) Ma se ci pensiamo bene...chi di...

Chi era Melchisedec? La risposta degli Esseni di Qumran

Chi era Melchisedec? La risposta degli Esseni di Qumran

11QMelch - ossia Melchisedec della Undicesima grotta di Qumran - è una figura di mediatore angelico che tuttavia si colloca anche nel contesto di un intervento escatologico (=ossia negli ultimi tempi che gli esseni di Qumran credevano di vivere) di Dio stesso a cui...

La predestinazione tra il bene e il male: tra Qumran e i Vangeli

La predestinazione tra il bene e il male: tra Qumran e i Vangeli

La sigla del manoscritto trovato a Qumran - 1QS - indica il luogo in cui fu trovato: la prima grotta di Qumran; e al carattere del testo, regola, in ebraico Serek.  Infatti, vi è un'analogia tra il contenuto di questo manoscritto e le regole degli ordini monastici e...

il principio della sapienza – רֵאשִׁית חָכְמָה

il principio della sapienza – רֵאשִׁית חָכְמָה

(Articolo di Cecilia Mariotto) Il principio della sapienza... Questa riflessione nasce a partire da una condivisione molto interessante da parte del nostro gruppo di allievi del corso di Ebraico Biblico. Uno degli allievi più esperti, sa suscitare spunti interessanti,...

SCOPRI I TESORI DELLA BIBBIA EBRAICA

CON I MIEI CORSI

CORSO DI EBRAICO ANTICO

Un corso unico, che ti consente di imparare l’ebraico in maniera basilare fin dal primo livello. Dalla Genesi, ai profeti, ti do le chiavi del tuo mondo interiore…

CORSO BIBLICO

Una vera e propria scuola di interpretazione biblica. Ogni testo viene studiato a più livelli, attualizzandolo e portandolo direttamente alla tua esperienza di vita.

biblepedia

La Bibbia come non te l’hanno mai spiegata

Al riparo dell’Altissimo

(Articolo di Cecilia Mariotto) יֹ֭שֵׁב בְּסֵ֣תֶר עֶלְיֹ֑ון בְּצֵ֥ל שַׁ֝דַּ֗י יִתְלֹונָֽן׃ Chi abita al riparo dell'Altissimo passerà la notte all'ombra dell'Onnipotente (Sal 91,1) Forse qualcuno di noi ha avuto modo di leggere o recitare questo salmo, questa preghiera...

COME POSSO AIUTARTI?

Privacy Policy

2 + 10 =

error: Il contenuto è protetto